Bologna –  Volvo ha equipaggiato, a richiesta, V70 e S80 con un motore Flexifuel turbocompresso, da 2,5 litri e cinque cilindri, con una potenza di 200 cv (147 kW) e 300 Nm di coppia. Da un punto di vista puramente tecnico, per i motoristi di Volvo Cars sarebbe stato possibile raggiungere potenze ben superiori ai 200 cv. Tuttavia, una potenza extra richiede più carburante nelle marce superiori, il che si traduce in consumi maggiori. Il consumo di carburante (combinato EU) per la nuova versione Flexifuel da 2,5 litri è di 9,2 l/100 km (V70 e S80) con il cambio manuale e di 10,2 l/100 km (V70) e 10,1 l/100 km (S80) con il cambio automatico. Le autovetture Flexifuel possono essere alimentate con bioetanolo E85 o con benzina senza piombo a 95 ottani, o con qualsiasi miscela di questi due carburanti. A causa del minore contenuto energetico, il consumo di carburante quando si utilizza l’E85 è del 30-40% superiore al consumo di benzina. La differenza esatta dipende da variabili quali lo stile di guida, la temperatura esterna e le variazioni nella composizione del carburante. Volvo Cars proporrà dunque al mercato la gamma più ampia di modelli a biocarburanti. Infatti, sono già disponibili cinque modelli (C30, S40, V50, V70 e S80) con uno o due motori Flexifuel.  (ore 15:00)