Termini Imerese – La protesta dei lavoratori della Fiat a Termini Imerese, che ha fermato del tutto la produzione nello stabilimento siciliano, secondo la Fiom ha trovato totale l’adesione degli operai. Oggi le tute blu si raduneranno davanti alla fabbrica, dove sono attesi sei pullman con i quali i lavoratori raggiungeranno Palermo; è previsto un presidio davanti Palazzo dei Normanni, sede dell’Assemblea regionale siciliana, che oggi pomeriggio si riunirà in seduta straordinaria proprio per affrontare il caso Fiat. Fim, Fiom e Uilm chiedono il mantenimento della produzione di auto e la salvaguardia dei posti di lavoro. Alla Fiat di Termini Imerese lavorano 1.350 persone, altre 600 sono occupate nelle aziende dell’indotto.
POMIGLIANO – L’amministratore delegato di Fiat, a margine del Salone dell’Auto di Detroit ha ribadito che <<L’impegno che ha preso la Fiat di spostare la Panda dalla Polonia, che funziona come un orologio svizzero, a Pomigliano con tutti i problemi che storicamente sono associati a quello stabilimento, è un atto di fiducia nel paese>>. (ore 12:00)