Roma – Nuova ondata di scioperi nel settore dei Trasporti. Si parte con la protesta indetta da Filt-Cgil e dalle associazioni del personale navigante Ipa, Avia e Anpac di Alitalia per martedì 16 Febbraio. Alla base della protesta, spiegano i sindacati, <<il mancato rispetto degli accordi su organici, retribuzioni, trasferimenti, assunzioni del personale in cassa integrazione ed a tempo determinato ed inoltre in merito a tutte le problematiche pertinenti l’integrazione Alitalia Airone e la conseguente armonizzazione dei due contratti>>. Motivazioni, queste, respinte, nei giorni scorsi dall’amministratore delegato di Alitalia, Rocco Sabelli.
I precedenti tre tentativi, nei mesi scorsi, sono andati a vuoto a seguito delle ordinanze del ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli.
In vista dello sciopero di martedì, Alitalia indica la possibilità di cancellazione di alcuni voli e prevede disagi limitati. La compagnia garantirà la riprotezione a tutti i passeggeri dei voli soppressi e, per questo, ha cominciato a contattare direttamente i passeggeri interessati al fine di ricollocarli su voli alternativi, nella stessa fascia oraria o in giornata. Per fornire informazioni e assistenza ai propri passeggeri Alitalia ha attivato il numero verde 800.650055. Informazioni verranno inoltre fornite attraverso il sito Internet www.alitalia.it.
Sempre per martedì, è proclamato lo sciopero di tutti i lavoratori di Meridiana-Eurofly. L’astensione dal lavoro, dalle 12:00 alle 16:00, è stata indetta unitariamente da Filt-Cgil, Sdl, Anpac, Avia ed Unione Piloti. Nel mirino delle organizzazioni sindacali stanno <<le numerose iniziative unilaterali aziendali ed il piano d’impresa che prevede esuberi>>.
Confermato, inoltre, lo sciopero di 4 ore, dalle 10:00 alle 14:00, venerdì 19 Febbraio di tutti gli addetti al trasporto ferroviario e servizi e di quelli delle aziende di trasporto pubblico locale. La protesta è proclamata da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti, Orsa Trasporti, Faisa e Fast a sostegno <<del negoziato sul nuovo contratto della Mobilità che interessa il personale del trasporto pubblico locale e ferroviario>>. Secondo i sindacati, <<il nuovo contratto rimane un obiettivo irrinunciabile rispetto alle trasformazione prodotte dalle liberalizzazioni, ai rapporti con la committenza e le aziende pubbliche ed all’ingresso nel mercato di settore di nuovi soggetti imprenditoriali>>. (ore 12:56)