Roma – Il presidente dell’Enac Vito Riggio, nel corso di un’audizione in commissione avori pubblici del Senato, ha presentato i risultati raccolti dal Comitato tecnico sui nuovi strumenti per garantire la sicurezza negli aeroporti d’Italia i “body scanner”.
<<Il governo di fronte all’emergenza che si è verificata ha deciso che si sarebbe dotato di body scanner – ha spiegato Riggio – L’Enac ha messo a disposizione le risorse e il Comitato tecnico in 15 giorni ha esaminato gli strumenti esistenti sul mercato che sono di due tipi: uno che emette onde elettromagnetiche millimetriche e non raggi x, e un altro più antico a raggi x. In realtà, ce n’è anche uno sperimentale basato sul calore emesso da onde corporee. Dopo l’esclusione da parte del ministro della Salute Fazio di quelli a raggi x, ci siamo orientati su quelli a onde millimetriche e il Comitato ha deciso installare la prossima settimana, in via sperimentale, 2 di questi apparecchi: uno a Roma e uno a Milano. Ora – ha aggiunto Riggio – se la sperimentazione andrà a buon fine per la prossima estate li installeremo negli aeroporti>>.
Gli apparecchi utilizzati saranno soltanto due, uno a Fiumicino e l’altro a Malpensa, e verranno utilizzati, per ora, solo per chi deve recarsi negli Stati Uniti. (ore 10:30)