Ruesselsheim – Nick Reilly, Ceo di Opel/Vauxhall, ha annunciato che General Motors, nell’ambito del suo impegno per il piano europeo di ristrutturazione, contribuirà con un finanziamento di 1,9 miliardi di euro al risanamento della sua controllata, triplicando il suo precedente impegno d’investimento di 600 milioni di euro. General Motors, dopo le infinite polemiche sulla vendita della sua controllata Opel («una soap opera», la definì Sergio Marchionne), ha deciso di investire pesantemente sul rilancio del marchio tedesco.
Il contributo di GM è costituito in forma di capitale proprio e prestiti. Nell’ambito del suo piano di sviluppo, Opel/Vauxhall aveva considerato necessario un programma di finanziamento pari a 3,3 miliardi di euro. Tuttavia, altri 415 milioni di euro erano stati richiesti dai rispettivi governi europei per compensare l’eventuale impatto negativo di situazioni di mercato sfavorevoli.
Riponendo fiducia nel potenziale del piano di sviluppo Opel/Vauxhall a medio e lungo termine, GM contribuirà, ora, con oltre il 50 per cento dei finanziamenti globali necessari. In conseguenza di ciò, le garanzie di prestito da parte dei governi europei saranno ridotte da 2,7 a meno di 2 miliardi di euro. Questo nuovo impegno di GM rimuove qualunque potenziale rischio di liquidità nel piano di ristrutturazione di quest’anno.
<<L’impegno di 1,9 miliardi di euro di GM è la strada giusta per Opel/Vauxhall e dovrebbe indicare chiaramente la nostra determinazione a garantire il business – ha detto Nick Reilly – La nostra richiesta di fondi aggiuntivi è stata approvata dalla direzione di GM e supportato dal Consiglio di amministrazione di GM. Contestualmente, abbiamo condiviso questa decisione con la Commissione Europea e con tutti gli Stati e i governi coinvolti. Ci auguriamo che il nostro forte impegno sia accolto favorevolmente come punto di riferimento nelle nostre discussioni circa le garanzie dei governi a coprire il rimanente debito. Apprezziamo molto l’incrementato supporto di GM, soprattutto in considerazione della alta e prioritaria domanda di liquidità di GM stessa, della ristrutturazione delle divisioni di GM Nord America e della costante situazione di debolezza del mercato nel Nord America>>, ha aggiunto Reilly.
<<E’ di vitale importanza per GM dimostrare il nostro impegno per le divisioni Europee –ha detto Ed Whitacre, GM Chairman e CEO – Al di là degli aspetti puramente finanziari, vediamo questo come un passo fondamentale verso la costruzione di una rinnovata fiducia e credibilità nei concessionari, negli impiegati, nei clienti e nei partner Opel, così come nei sindacati e nei governi europei>>. (ore 14:30)

NO COMMENTS

Leave a Reply