Roma – Un prototipo di Italo ha iniziato i test sull’Alta velocità per prepararsi al momento in cui la Ntv (Nuovo trasporto viaggiatori) di Luca Cordero di Montezemolo e la francese Sncf lanceranno la sfida ai Frecciarossa e Frecciargento di Trenitalia.
In versione grigia e con sette carrozze (monitorate da 2.000 sensori) invece di 11, il treno è, allo stato, più un laboratorio viaggiante: decine di computer al posto di interni firmati Italdesign- Giugiaro, carrozze cinema e connessioni satellitari uniche al mondo. Costruito da Alstom a La Rochelle (Francia) e a Savigliano (in provincia di Cuneo) è arrivato in Italia a Gennaio. Per dieci giorni ha fatto base a Osmannoro per i primi test condotti dallo staff Ntv. Finora ha percorso 55 mila chilometri, altri 60 mila ne deve fare prima della fine delle prove.
<<Abbiamo terminato la prima fase di corse sulla linea convenzionale che ci ha permesso sia di fare le piccole messe a punto sia di ottenere tutte le autorizzazioni per iniziare la fase successiva sulla linea Av Roma-Napoli – ha spiegato Paolo Belforte, ingegnere della Direzione tecnica di Ntv – Su questa linea contiamo di raggiungere ora la velocità di 300 km/h>>.
Il massimo della velocità consentita sulla rete italiana. Ma la Ferrari delle rotaie può toccare i 360 Km/h. Di più: nel 2007 ha raggiunto il record dei 574,8. Il debutto è atteso per metà del prossimo anno, 54 collegamenti al giorno sulle tratte più redditizie: Torino, Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma, Napoli e Bari. Con servizi e prezzi su misura per ogni passeggero. Ntv ha ordinato 25 treni ad Alstom: 11 sono in costruzione a Savigliano, a Sesto San Giovanni sono realizzati i convertitori di trazione, a Bologna gli impianti di segnalamento. Novanta milioni di euro andranno a Nola (Napoli) dove nascerà un centro tecnologico per la manutenzione dei treni con 300 addetti specializzati. (ore 15:00)