Bologna – Secondo un’elaborazione di Federpneus, basata su una ricerca dell’Osservatorio Amadeus (centro studi sul turismo in Italia), a Pasqua saranno circa 6.000.000, e cioè 1 su 10, gli italiani che partiranno per un viaggio. Il mezzo più utilizzato per gli spostamenti sarà l’automobile, usata dal 69% dei partenti (per un totale di 4.140.000 italiani), seguita dal treno (19%) e dall’aereo (12%). Dallo studio emerge anche che le vacanze degli italiani, in occasione della prossima Pasqua, saranno brevi (spostamenti in giornata ed un pernottamento) nell’82% dei casi. Nel restante 18% i viaggiatori effettueranno due o più pernottamenti prolungando il week end festivo. Le mete più richieste saranno la Liguria, la Toscana, la Sicilia, la Campania e la Sardegna, oltre alle classiche città d’arte.
Federpneus (Associazione Nazionale Rivenditori Specialisti di Pneumatici) consiglia di pianificare accuratamente la partenza in base alle previsioni di traffico e alle condizioni meteo e di adottare comportamenti di guida corretti e di attenervi scrupolosamente alle prescrizioni del Codice della Strada.
Per chi sceglierà di viaggiare lungo le strade d’Italia, Federpneus raccomanda di far eseguire un accurato controllo dei pneumatici del veicolo che userete (sia esso un’auto, una moto, un camper o una roulotte), in particolare per quei veicoli che sono stati a lungo fermi o utilizzati .per brevi tragitti.
Per controllare l’efficienza dei pneumatici ci sono poche e semplici regole da seguire: far controllare che la pressione di gonfiaggio corrisponda a quella indicata nel libretto d’uso del veicolo e far verificare che non siano presenti difetti o imperfezioni nella gomma.
Per quel che riguarda la pressione di gonfiaggio non bisogna dimenticare che il controllo va eseguito quando il pneumatico è freddo. Da non dimenticare che la pressione di gonfiaggio di una gomma non rimane costante nel tempo, ma tende a diminuire.
Inoltre, è importante far verificare la profondità di scultura del battistrada, che, secondo il Codice della Strada, non deve essere inferiore a 1,6 mm.
Per effettuare i controlli necessari e partire quindi in piena tranquillità è opportuno rivolgersi a Rivenditori Specialisti di pneumatici che hanno a loro disposizione sia le conoscenze tecniche sia le attrezzature tecnologicamente più aggiornate, che gli strumenti tarati per compiere questo controllo in piena sicurezza per l’automobilista.
 In previsione delle prime partenze per il lungo week-end di Pasqua, che cominceranno da domani pomeriggio, Autostrade per l’Italia ha predisposto un piano operativo mediante presidi costanti per informazione e assistenza. Il piano prevede anche la rimozione dei cantieri, ad eccezione di quelli a lunga durata e il blocco dei mezzi pesanti che non potranno circolare venerdì 2 (16:00/22:00), sabato 3, domenica 4, lunedì 5 (08:00/22:00) e martedì 6 aprile (08:00/14:00). Le maggiori concentrazioni di traffico sono previste in questi giorni: domani pomeriggio, giovedì 1 aprile (bollino rosso per pomeriggio-sera) e venerdì 2 aprile (bollino rosso per pomeriggio-sera); lunedì 5 aprile (sera) e martedì 6 aprile (bollino rosso per la mattinata) e la mattina di mercoledì 7 aprile.
Atteso anche l’arrivo dei turisti stranieri provenienti dai Paesi confinanti, Austria, Francia, Svizzera e Slovenia con un aumento del traffico ai Valichi. I flussi di traffico più intensi interesseranno: A1, tra Milano e Parma, da Bologna a Firenze sud (possibili rallentamenti nel tratto appenninico), in uscita dalla Capitale verso Napoli (possibili rallentamenti fino a Valmontone); A14,da Bologna a Cattolica (possibili rallentamenti all’altezza di Bologna). Traffico intenso poi in Lombardia sull’A4 (in direzione Brescia) e sull’A9 (alla Dogana con la Svizzera) In Liguria, invece, sull’A10 e sulla A26 in direzione del Ponente ligure, sull’A12 sino a Rapallo. In Toscana, sull’A11 in direzione di Pisa e della Versilia. Per conoscere le condizioni del traffico prima di mettersi in viaggio è possibile chiamare il Call Center Viabilità (840 04 21 21), il numero verde del CCISS 1518 o consultare il sito internet www.autostrade.it. Durante il viaggio costanti aggiornamenti sulle condizioni di viabilità ed i tempi di percorrenza vengono garantiti attraverso un sistema di 1.119 pannelli a messaggio variabile e dai notiziari radiofonici Isoradio 103.3 FM, RTL 102.5, Onda Verde RAI. La Polizia Stradale assicurerà il controllo della circolazione ed il rispetto delle norme del Codice della Strada, con pattuglie dislocate nei tratti a maggior indice di traffico e avvalendosi del TUTOR – il sistema che rileva i tempi di percorrenza, attualmente attivo su oltre 2.273 km di carreggiata, debitamente segnalato con segnaletica verticale Verde. Per assistere gli automobilisti italiani e stranieri in movimento in occasione delle vacanze di Pasqua, l’Automobile Club d’Italia ha predisposto un piano d’assistenza straordinario (che rimarrà in vigore fino all’11 Aprile) che prevede la mobilitazione di 5.000 uomini specializzati nell’assistenza tecnica ai viaggiatori, con 3.000 mezzi di soccorso e 1.000 centri operativi, che presidieranno strade e autostrade di tutto il territorio nazionale. L’intervento della “Task Force” ACI può essere richiesto, 24 ore su 24 al numero 803.116 (800.116.800 per gli automobilisti stranieri dotati di cellulare estero). Il call center ACI 803.116 è in grado anche di indicare quali sono i percorsi alternativi alle grandi arterie autostradali per raggiungere la propria destinazione in caso di ingorghi o traffico intenso.
E’ inoltre attivo il call center multilingue “Viaggiare sicuri” che risponde al numero 06.491115 in francese, inglese, tedesco, spagnolo, portoghese e olandese, per soddisfare le esigenze informative di chi viaggia all’estero. Il servizio – frutto della collaborazione dell’ACI con il Ministero degli Affari Esteri – è attivo tutti i giorni 24 ore su 24, con notizie aggiornate su oltre 200 Paesi del mondo in materia di: sicurezza (microcriminalità, conflitti etnici o sociali, comportamenti consigliati); situazione sanitaria (profilassi, vaccinazioni, strutture mediche); cultura e usanze locali (alimenti e bevande proibiti, tutela di flora e fauna).
Le informazioni possono essere consultate anche al sito internet www.viaggiaresicuri.it
(ore 13:00)