Mercedes, presto nuovi motori elettrici

Mercedes, presto nuovi motori elettrici

Roma – Anche Mercedes come la maggior parte dei brand, sta aumentando gli sforzi per produrre auto con alimentazioni alternative. E’ di oggi l’annuncio che a partire dal 2012 il Marchio della Stella produrrà negli stabilimenti berlinesi una nuova generazione di motori elettrici integrati nella trasmissione  che saranno impiegati sui veicoli ibridi che, in futuro, adotteranno questa nuova tecnologia. L’intensa collaborazione tra il centro di produzione di Berlino e le divisioni di Ricerca e Sviluppo creeranno le giuste sinergie per realizzare tecnologie all’avanguardia in termini di mobilità sostenibile. La decisione di assegnare a Berlino l’attività di sviluppo e produzione del nuovo motore elettrico integrato nella trasmissione è stata presa nell’ambito di una strategia più ampia, che ha come obiettivo la promozione attiva della mobilità sostenibile. Daimler AG, all’interno di questa strategia e grazie a due joint venture con Evonik Industries AG, assume un ruolo di leadership anche nello sviluppo e nella produzione di celle a combustibile per batterie e di sistemi di batterie agli ioni di litio.
<<L’adozione di sistemi di trazione elettrica – ha dichiarato Volker Stauch, responsabile Powertrain Production di Mercedes-Benz Cars – avrà un ruolo fondamentale nella mobilità del futuro. Gli stabilimenti di Berlino vantano già una notevole esperienza nella produzione di componenti a comando elettrico. Il Centro berlinese avrà un ruolo centrale nello sviluppo della futura gamma di sistemi di propulsione Mercedes-Benz>>.
Rafforza il concetto Thomas Uhr, responsabile degli stabilimenti Mercedes-Benz di Berlino: <<Il team di Berlino ha lavorato con impegno e passione nel settore della mobilità elettrica. È grazie al lavoro del nostro personale che l’intera gamma dei prodotti Mercedes-Benz si è rivelata vincente. Il nostro obiettivo è quello di continuare ad essere competitivi nell’era dell’elettromobilità>>. (ore 16:15)

NO COMMENTS

Leave a Reply