New York – Si preannuncia di entità storica la multa che il governo americano si prepara ad infliggere a Toyota rea di non aver rispettato gli obblighi di legge, tacendo per diversi mesi i problemi riscontrati all’acceleratore su alcuni dei sui modelli che poi hanno portato al richiamo di quasi 9 mln di auto nel mondo.
Il segretario ai Trasporti americano Ray Lahood ha affermato che la Casa nipponica rischia una “sanzione esemplare” da 16,4 milioni di dollari.
<<Abbiamo le prove – ha detto Lahood – di una violazione da parte di Toyota, ma la cosa peggiore è che è stato volutamente nascosto alle autorità un difetto pericoloso e non sono state prese per tempo iniziative volte a tutelare milioni di automobilisti e le loro famiglie. Per questo chiediamo il massimo della pena previsto dalla legge>>.
<<L’iniziativa poggia sulle leggi americane ed è quindi difficile per il governo giapponese esprimersi direttamente>>, ha commentato il ministro dell’Economia Masayuki Naoshima. Ancora nessun commento da parte di Toyota che ha 2 settimane di tempo per decidere se accettare o respingere la sanzione.
Intanto sempre Toyota ha ritirato 13 mila veicoli venduti in Corea del Sud per alcuni difetti riscontrati nei tappetini. Secondo quanto riferito dal ministero dei Trasporti sudcoreano il difetto è stato riscontrato in 12.984 auto e i modelli interessati sono la Lexus ES350, la Camry e la Camry Hybrid.
<<E’ un richiamo volontario per rimuovere rischi di possibili inconvenienti che potrebbero aumentare in futuro>>, ha spiegato il presidente e ad della divisione sudcoreana, Hisao Nakabayashi, nel corso di una conferenza stampa. La decisione coinvolge circa un quarto delle vendite Toyota effettuate in Corea del Sud tra gennaio 2001 e marzo 2010 e segue il ritiro dal mercato di 510 Prius Hybrid a Febbraio. L’ufficio centrale della casa giapponese ha precisato che si tratta di un problema che riguarda solo i tappetini fatti e venduti in Corea del Sud e che non ha causato alcun tipo di incidente. (ore 13:00)