Torino – Il presidente della Fiat, John Elkann, ha incontrato oggi, al Lingotto, Zhou Qiang, segretario generale del partito della Repubblica Popolare Cinese nella Provincia dello Hunan, dove è in fase di costruzione lo stabilimento di automobili della joint venture paritetica tra Fiat e Guangzhou Automobile Group (Gac).
La visita ufficiale si inserisce nel quadro dell’iniziativa industriale che il Gruppo Fiat e Gac hanno avviato nella Provincia della Hunan e che rappresenta il più grande investimento automobilistico del territorio. Hunan è una delle più grandi province della Cina centrale, che conta circa 70 milioni di abitanti e grazie all’impegno della dirigenza politica sta attraversando una fase di forte sviluppo, puntando sulle infrastrutture, sui trasporti e sull’industria automobilistica.
Durante gli incontri, ai rappresentanti della delegazione cinese, sono stati illustrati i programmi e i futuri progetti della joint venture Fiat-Gac. L’iniziativa rientra nel piano di sostegno allo sviluppo che il Governo cinese ha varato per favorire nuovi investimenti nelle sei province della Cina Centrale.
L’alleanza tra Fiat e GAC per la produzione di autovetture e motori in Cina sta procedendo secondo i piani e prevede il lancio della nuova piattaforma per autovetture medie nel 2012. L’impianto di produzione è situato nella città di Changsha, importante nodo stradale e ferroviario nel cuore della Cina centro-meridionale, a circa 600 chilometri a nord di Guangzhou, alla quale sarà collegata entro breve attraverso una rete ferroviaria ad alta velocità. (ore 19:15)