Roma – Domani, 25 settembre, i volontari Abio saranno presenti in più di 100 piazze italiane per la “Sesta Giornata Nazionale Abio”. Racconteranno cosa significa essere un volontario Abio, che tipo di impegno richiede e come tutti possono dare il loro contributo per aiutare l’associazione a raggiungere gli obiettivi Abio, Associazione per il Bambino in Ospedale, onlus da 30 anni,  attraverso i suoi quasi 5.000 volontari in più di 200 pediatrie di 75 città, regala un sorriso ai bambini, agli adolescenti ricoverati in ospedale e alle loro famiglie. Il ricovero di un bambino è un momento delicatissimo per lui e per i suoi genitori. Se non viene gestito nel modo giusto può configurarsi come un vero e proprio trauma: la separazione, il disorientamento, il contatto con un ambiente differente, con il dolore proprio e altrui. Ecco il senso dell’esistenza di Abio e del servizio dei suoi volontari.
Per raggiungere i suoi obiettivi Abio propone corsi di formazione di base per aspiranti volontari e di aggiornamento per volontari già in servizio, realizza sale gioco e camere di degenza secondo i canoni più avanzati, acquista giochi e giocattoli, promuove iniziative di animazione in reparto, realizza libri ad hoc per bambini ricoverati e molto, molto altro ancora. 
Per potere incontrare i volontari dell’Abio in occasione della “Sesta Giornata” di sabato prossimo suggeriamo di visitare il sito www.abio.org/campagne_giornata_rassegna.asp per verificare qual è la piazza più vicina a voi in cui cisarà una postazione Abio. (ore 09:00)