Torino – Il 13 dicembre scorso la Borsa Italiana ha emesso il provvedimento di ammissione a quotazione delle azioni ordinarie, privilegiate e di risparmio di Fiat Industrial sul Mercato telematico azionario. Oggi Consob ha emesso il giudizio di equivalenza ai sensi dell’art. 57, comma 1, lettera d) del regolamento emittenti ed è stata messa a disposizione la versione aggiornata ed integrata del documento informativo sulla scissione redatto ai sensi dell’art. 70, comma 4 del regolamento emittenti già pubblicato in data 4 settembre 2010. Il Documento
La stipula dell’atto di scissione parziale proporzionale di Fiat S.p.A. a favore di Fiat
Industrial S.p.A. è fissata per domani. Ai sensi di tale atto gli effetti giuridici dell’operazione di scissione decorreranno dall’1 gennaio 2011.
L’azionista unico Fiat S.p.A. ha nominato quali membri del consiglio di amministrazione di Fiat Industrial S.p.A. Sergio Marchionne (presidente), Alberto Bombassei, Gianni Coda, John Elkann, Robert Liberatore, Libero Milone, Tommaso Padoa-Schioppa, Giovanni Perissinotto e John Zhao.
Il nuovo Consiglio diverrà operativo con effetto dalla data di efficacia della scissione ed avrà scadenza in concomitanza dell’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio dell’esercizio 2011. Gli amministratori Bombassei, Liberatore, Milone, Padoa-Schioppa,  Perissinotto e Zhao sono in possesso dei requisiti di indipendenza previsti dal Codice di autodisciplina delle società quotate.
La composizione dei Comitati interni al Consiglio verrà successivamente stabilita dal
Consiglio di Amministrazione.
Conseguentemente, in conformità a quanto deliberato dalle assemblee straordinarie di Fiat e Fiat Industrial, a decorrere dalla data di efficacia della scissione Fiat Industrial adotterà lo statuto allegato al progetto di scissione e procederà ad aumentare il proprio capitale sociale di euro 1.913.178.892,50 mediante emissione di 1.092.247.485 azioni ordinarie, n. 103.292.310 azioni privilegiate e n. 79.912.800 azioni di risparmio del valore nominale di euro 1,50 cadauna da attribuire agli azionisti di Fiat S.p.A. nel rapporto di 1 azione di ciascuna categoria per ciascuna azione posseduta della medesima categoria. La scissione determinerà, altresì, la riduzione del capitale sociale di Fiat S.p.A. nella misura di euro 1.913.178.892,50. Pertanto, a decorrere dall’1 gennaio 2011, il capitale sociale di Fiat S.p.A. sarà di euro 4.464.084.082,50, interamente sottoscritto e versato, suddiviso in 1.092.247.485 azioni ordinarie, 103.292.310 azioni privilegiate e 79.912.800 azioni di risparmio, tutte da nominali euro 3,5 cadauna, mentre il capitale sociale di Fiat Industrial sarà di euro 1.913.298.892,50, interamente sottoscritto e versato, suddiviso in 1.092.327.485 azioni ordinarie, 103.292.310 azioni privilegiate e  79.912.800 azioni di risparmio, tutte da nominali euro 1,5 cadauna.
Si prevede che, intervenuta l’iscrizione dell’atto di scissione al Registro delle
imprese di Torino, la data di inizio delle negoziazioni sul Mercato telematico azionario delle azioni ordinarie, privilegiate e di risparmio di Fiat Industrial sia lunedì 3 gennaio 2011, primo giorno di Borsa aperta successivo alla data di efficacia della scissione. (ore 18:50)