Roma – Nel contesto di un comparto col segno positivo a dicembre 2010, su base annua, il fatturato degli autoveicoli è sceso del 3,9%, mentre gli ordinativi sono calati dell’11,2%.
L’Istat, infatti, ha comunicato che schizzano in alto ordini e fatturato dell’industria italiana nel 2010, mettendo a segno il miglior risultato dal 2001. In particolare l’indice grezzo ha segnato l’anno scorso un incremento del 13,9% per gli ordinativi (-22,4% nel 2009) e del 10,1% per il fatturato (-18,7% nel 2009). Nel solo mese di dicembre fatturato e ordinativi hanno registrato, nel confronto con il mese precedente, rispettivamente un calo dello 0,3% e un incremento del 5,4%. Il fatturato e’ diminuito dello 0,2% sul mercato interno e dello 0,4% su quello estero; gli ordinativi nazionali hanno registrato un aumento del 5,9%, quelli esteri del 4,6%.
Nel confronto degli ultimi tre mesi (ottobre-dicembre) con i tre mesi immediatamente precedenti (luglio-settembre) la variazione congiunturale è stata pari a +1,7% per il fatturato ed è stata nulla per gli ordinativi. L’indice del fatturato corretto per gli effetti di calendario ha registrato in dicembre una crescita tendenziale dell’8,4% (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 di dicembre 2009). Nel confronto tra la media del 2010 e quella dell’anno precedente, l’indice del fatturato corretto per gli effetti di calendario ha segnato una variazione positiva del 9,9%. Gli indici grezzi del fatturato e degli ordinativi hanno registrato a dicembre incrementi tendenziali, rispettivamente, dell’11,8 e del 17,4%. (ore 12:30)