Roma – L’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, ha reso noti i dati sul monitoraggio del tasso di mortalità sulle strade italiane, dai quali emerge che i morti sulle autostrade italiane sono in calo del 70%.
Dal 1999 a oggi si è passati, infatti, dall’1,14 (numero di deceduti ogni 100 milioni di chilometri percorsi) allo 0,34 registrato al 15 maggio 2008. L’ottimo risultato è stato conseguito con “continui interventi migliorativi dell’infrastruttura e con iniziative volte a modificare il comportamento e a responsabilizzare il conducente” fra questi, l’introduzione del “Tutor”, misuratore di velocità, attualmente in funzione su 1.300 chilometri. Sulla fluidità del traffico, Castellucci ha aggiunto che, grazie a importanti investimenti, “nel 2008 i viaggiatori risparmieranno sulla rete 2 milioni di ore di tempo perso e oltre mille ore di coda in stazione”. (ore 10:15)