Milano – Quasi 7mila utenti registrati, circa 14mila fan Facebook, quasi 30mila posti auto condivisi e un risparmio potenziale di  emissioni CO2 che sfiora le 150 tonnellate: è questo il bilancio di un anno di carpooling in Italia secondo postoinauto.it. Il portale leader nel carpooling italiano, che in questi giorni compie un anno di attività, pubblica oggi i dati sui trend della condivisione dell’auto nella penisola che evidenzia come, nonostante il ritardo che tuttora ci separa da molti altri paesi europei, anche gli italiani stiano lentamente scoprendo i vantaggi del carpooling.
Dai dati emerge che la maggior parte dei carpooler sono giovani: la fascia 18-24 è quella più folta, con il 31% degli utenti, seguita dal 29% nella fascia 25-34. Numeri che non stupiscono, dato che tendenzialmente i giovani sono più propensi all’utilizzo delle nuove tecnologie e più sensibili verso il low cost. Inoltre, il 38% degli utenti sono donne, a dimostrazione del fatto che, con le opportune misure di sicurezza, anche le donne possono sentirsi al sicuro nel condividere l’auto con degli sconosciuti. Postoinauto.it offre da tempo il “viaggio rosa”, un viaggio tutto al femminile pensato per le donne che desiderano condividere l’auto con altre donne.
Il carpooling è diventato un mezzo di trasporto interessante per molti studenti, che costituiscono il 37% degli utenti più attivi del sito e che in numero sempre crescente preferiscono chiedere un passaggio in auto per i propri spostamenti casa-università. Interessanti anche i dati relativi alla distribuzione geografica del carpooling sul territorio, che evidenziano un divario Nord-Sud. Le province con il maggior numero di passaggi offerti sono, nell’ordine, Milano, Roma e Torino; a seguire Como, Verona, Vicenza e Pistoia. La prima provincia del Sud è Napoli al settimo posto, seguita da Salerno all’undicesimo. Sette le province dove non è stato ancora offerto alcun passaggio; cinque di queste si trovano in Sardegna.
Le tratte più richieste sono Milano-Roma e viceversa, Roma-Firenze, Roma-Bologna e Napoli-Roma. Oltre 9mila sono state le ricerche di passaggi effettuate su postoinauto.it nel solo mese di gennaio 2011, quasi il triplo rispetto a marzo 2010.
Tra le curiosità, emerge che i carpooler amano le lingue straniere: l’82% parla l’inglese e il 22% almeno un’altra lingua straniera, fra cui arabo, svedese, giapponese. Il 5% dei carpooler più attivi sono membri dell’esercito o delle forze dell’ordine. In testa alla classifica delle marche di auto più utilizzate per il carpooling troneggia la Fiat con il 18,4%, seguite da Ford (14,9%), Volkswagen (6,4%) e Volvo (6,0%).
In media, le visite a postoinauto.it sono cresciute del 7,6% ogni mese.
<<Abbiamo registrato alcuni picchi estremi come ad esempio in occasione del blocco del traffico aereo nell’aprile 2010 e prima delle vacanze di Natale – racconta Olivier Bremer, cofondatore di postoinauto.it – In generale il trend di crescita è decisamente positivo e ci fa ben sperare per il futuro. Quando siamo partiti l’11 febbraio 2010 erano pochissimi gli italiani che conoscessero il termine carpooling. Oggi, a distanza di un anno, la situazione è ben diversa: anche se il divario rispetto ad altri paesi europei come la Germania e la Francia è ancora notevole, notiamo che sempre più persone si stanno rendendo conto anche in Italia che offrire o chiedere un passaggio su postoinauto.it è un gesto assolutamente normale, come prendere il treno>>.
A venire incontro al carpooling sono sicuramente anche la crisi economica e i rincari dei prezzi dei carburanti e dei pedaggi autostradali. <<Sempre più automobilisti – prosegue Bremer – sono alla ricerca di alternative per ridurre le spese di trasporto. Offrendo un passaggio ad altri utenti di postoinauto.it possono risparmiare tranquillamente la metà o i due terzi delle spese di viaggio, o addirittura ridurle a zero, per un risparmio complessivo che può raggiungere le centinaia o migliaia di euro ogni anno>>.
Va ricordato infine che la sicurezza è uno dei cardini del servizio di postoinauto.it, che ci tiene a essere il sito di carpooling più sicuro oggi esistente in Italia: <<Da noi i passaggi si possono prenotare online – conclude Bremer – e non attraverso telefonate o scambi di email in privato. Un vantaggio notevole: solo la prenotazione online consente di tracciare chi offre e chi prenota dei passaggi, requisito indispensabile per poter intervenire in caso di rischi per la sicurezza>>.
Completano il quadro un sofisticato sistema di feedback, per valutare la puntualità, lo stile di guida e il rispetto del codice della strada da parte dell’autista, ma anche la registrazione del numero di targa, la segretezza dei dati personali, il viaggio rosa dedicato alle donne, l’integrazione con Facebook e la verifica facoltativa del proprio account con un documento di identità.
Postoinauto.it, lanciato l’11 febbraio 2010 da due studenti, è il primo sito di carpooling in Italia con una community di migliaia di utenti che mettono a disposizione i loro posti liberi in auto per andare al lavoro, per tornare a casa nel fine settimana, ma anche per andare in vacanza, in Italia e all’estero, a prezzi assolutamente vantaggiosi e nettamente inferiori rispetto a ogni altro mezzo di trasporto. Un’alternativa interessante non solo dal punto di vista economico: chi viaggia con il carpooling ha il posto a sedere garantito, fa nuove amicizie e rispetta l’ambiente. (ore 10:20)

NO COMMENTS

Leave a Reply