Beirut – Si è conclusa la missione a Beirut di Autopromotec, la più specializzata rassegna espositiva internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico. L’iniziativa si è svolta in collaborazione con l’ufficio Ice in Libano e con l’ambasciatore italiano Giuseppe Morabito, che ha aperto l’incontro. I dirigenti di Autopromotec hanno presentato l’edizione 2011 dell’esposizione, che si terrà nel quartiere fieristico di Bologna dal 25 al 29 maggio.
Al meeting, organizzato in forma di seminario, hanno partecipato cinquantadue operatori professionali libanesi in rappresentanza di società attive in tutto il comparto del postvendita automobilistico. Molto significativa anche la presenza della stampa, che ha dato spazio all’evento su quotidiani e periodici in lingua araba (Al-Balad, An-Nahar, AS-Safir), inglese (Daily Star) e francese (L’Orient le Jour), mentre servizi dedicati sono stati trasmessi dalle televisioni Tv Tele-Liban e Future Tv.
Il Libano è un mercato particolarmente importante per le autoattrezzature e in genere per i prodotti per l’assistenza automobilistica, perché il processo di motorizzazione di massa continua a svilupparsi e ha la necessità di rinnovare e potenziare le sue strutture dedicate al servizio di un parco circolante in costante crescita. Tra l’altro il commercio estero tra Italia e Libano è particolarmente attivo. Nel primo semestre 2010 le esportazioni italiane in Libano hanno toccato i 686 milioni di dollari e il nostro Paese ha consolidato la sua posizione come primo fornitore europeo del Libano e terzo in ambito mondiale dopo Cina e Stati Uniti.
L’interesse di Autopromotec è di promuovere l’arrivo di buyer da mercati emergenti, data la necessità di accompagnare il processo di motorizzazione di massa con una rete di strutture assistenziali adeguata. Proprio questa situazione per i settori che espongono ad Autopromotec, che è ormai la vetrina mondiale dell’aftermarket automobilistico, ha, infatti, fortemente attutito l’impatto della crisi economica mondiale in atto ormai dal 2008. E ciò mentre anche nei mercati automobilisticamente evoluti la domanda di autoattrezzature e ricambi si mantiene sostenuta perché il calo delle immatricolazioni legato alle difficoltà economiche è dovuto soprattutto al rinvio della sostituzione di autoveicoli, rinvio che determina maggiori necessità di interventi di manutenzione e di riparazioni.
E’ anche grazie a questa particolare situazione di mercato, oltre ad una offerta espositiva in costante innovazione, che la precedente edizione di Autopromotec ha fatto registrare risultati record pur svolgendosi nel maggio 2009 e cioè nel pieno della “crisi globale”. Ha fatto registrare risultati record pure per le presenze straniere, con ben 468 espositori esteri, quasi 17.000 visitatori provenienti dall’estero e uno straordinario afflusso di delegazioni ufficiali estere con 90 delegati provenienti da 16 paesi e 300 incontri ufficiali tra delegazioni estere ed espositori italiani.
Uno dei focus di Autopromotec 2011 è di incrementare il flusso di operatori esteri. La missione in Libano segue, infatti, analoghe iniziative nei confronti degli operatori e della stampa già realizzati con successo a Londra, Parigi e Casablanca, mentre in marzo il roadshow proseguirà a Istanbul, Madrid e Barcellona. (ore 10:15)

NO COMMENTS

Leave a Reply