Pontedera – Progetti ambiziosi per Piaggio nel prossimo triennio, quando il Gruppo di Pontedera conta di recuperare terreno nei confronti di competitor come Yamaha e, soprattutto, Honda che domina il mercato europee ed italiano delle moto e degli scooter.
Piaggio nel triennio 2008-2010 prevede di investire per oltre 300 milioni di euro per far crescere sia il business degli scooter sia quello moto sia a livello di segmenti/cilindrate sia di presenza internazionale con un coerente ampliamento dell’impegno sportivo quanto ad Aprilia (ingresso nel mondiale superbike) e Derbi e a crescere nei veicoli commerciali in Europa, in India e nel Sudest asiatico.
Alla fine del triennio 2008-2010 il gruppo prevede il raggiungimento di un fatturato consolidato intorno a 1.950 milioni di euro, un Ebitda pari al 13,5% del fatturato e un rapporto Ebitda/indebitamento finanziario netto prossimo a 1.
Il gruppo italiano punta a sviluppare motorizzazione innovative relativamente al segmento “ruota alta”, dove scooter come l’Honda Sh la fanno da padrone, a basso impatto ambientale con un focus sulla tecnologia ibrida, a sviluppare la propria presenza sul mercato Asia-Paciico, ad avviare l’unità produttiva in Vietnam nel 2009, a sviluppare la sua presenza sul mercato cinese ed ad ampliare la gamma di prodotti e la visibilità dei brand sul mercato americano.
Quest’anno, intanto, il fatturato del gruppo Piaggio dovrebbe raggiungere i 1.710 milioni (1.692 nel 2007), con un mol del 13,2% (13,4% nel 2007). La posizione finanziaria netta è negativa per circa 340 milioni, contro i 269 dell’anno scorso. Secondo le previsioni del gruppo, nel 2009 il fatturato dovrebbe salire a 1.800 milioni e nel 2010 a 1.950, con un mol rispettivamente del 13,2% e del 13,5%. In discesa le stime sul debito: nel 2009 dovrebbe venire limato a 310 milioni e nel 2010 a 270.  (ore 10:00)