Torino – Dopo l’acquisizione della maggioranza azionaria del gruppo Chrysler e in coerenza con l’obiettivo di integrare le attività di Fiat e di Chrysler, la società annuncia la formazione del Group Executive Council (Gec) analogo alla struttura esistente in Fiat prima dello scorporo delle attività di Fiat Industrial.
Il Gec è il più alto organismo decisionale in Fiat dopo il Consiglio di amministrazione, ha la supervisione dell’andamento dei business, definisce gli obiettivi, le decisioni strategiche e gli investimenti del Gruppo, condividendo le best practices e lo sviluppo delle risorse manageriali.
Il Gec avrà quattro strutture principali. La prima sarà composta da quattro gruppi operativi regionali che si occuperanno della produzione e vendita di automobili; di ricambi e assistenza (Mopar); di componenti per auto (principalmente Magneti Marelli) e di sistemi di produzione e fonderie (Comau e Teksid). Ognuna di queste attività sarà affidata alla responsabilità di un Chief operating officer (Coo) che opererà attraverso un team manageriale regionale (la cui composizione sarà oggetto di una comunicazione specifica entro il primo settembre). Ognuno dei Coo sarà responsabile del risultato economico, della gestione delle risorse e delle attività produttive e commerciali della propria area.
I Coo componenti del Gec sono: Nafta (inclusa Chrysler), Sergio Marchionne; Europa-Africa-Medio Oriente, Gianni Coda; America Latina, Cledorvino Belini; Asia, Michael Manley; ricambi e assistenza (Mopar), Pietro Gorlier; componenti (Magneti Marelli), Eugenio Razelli; Teksid/Comau, Riccardo Tarantini
La seconda struttura rifletterà la focalizzazione del Gruppo sui marchi. Ciascuno dei marchi, globali o potenzialmente globali, sarà rappresentato nel Gec. Ogni responsabile dovrà migliorare e sviluppare un appropriato portafoglio prodotti di brand e assistere i Coo nell’implementazione di strategie commerciali e di marketing adeguate per ciascuna delle regioni operative. (ore 20:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply