Milano – Mini celebra i 10 anni dalla sua rinascita nel Gruppo Bmw. Una serata esclusiva alla Triennale di Milano, un momento che Mini dedica a sé stessa e ai suoi fan per ribadire che Mini non è soltanto un’auto di successo ma è soprattutto uno stile di vita.
Nel corso degli anni Mini si è accostata al mondo del cinema, della moda, della fotografia, del design, dello sport e a quello dei giovani talenti. Per l’occasione, ha voluto invitare i personaggi che appartengono a questi mondi per farsi raccontare la loro esperienza con il brand Mini. Ospiti della serata sono stati Franz Jung, presidente e amministratore delegato di Bmw Italia, Carlo Cavicchi, direttore di Quattroruote, Beppe Fiorello, un volto noto della tv italiana caro amico di Mini, Dean e Dan Caten, gli stilisti di Dsquared2, Gillo Dorfles, per anni presidente di giuria del concorso indetto da Mini con Ied intitolato “MINI Design Award” e Gianpietro Vigorelli, il pubblicitario più noto d’Italia che ha lavorato con Mini fin dalla sua rinascita nel 2001.
Nel corso della serata si sono ripercorse le tappe fondamentali degli ultimi 10 anni, a partire dal progetto di un rilancio Mini che risale al 1994, quando il Gruppo Rover, titolare del marchio, venne acquistato da Bmw, e le potenzialità di un marchio entrato nella storia dell’automobilismo ed ancora nei cuori di tanti appassionati erano già allora evidenti. Nel 1995, dopo aver vagliato diversi progetti, Bmw decide di dare il via libera al lavoro di Frank Stephenson che viene subito affidato al designer Gert Volker Hildebrand, che può essere considerato il vero e proprio papà della Mini del terzo millennio.
Il debutto della rinata Mini avviene al Salone di Parigi del 2000, dove l’entusiasmo con cui viene accolta da spettatori e critica, la spinge nel 2001 al lancio nelle concessionarie. La prima Mini era motorizzata con un 1.600 cc a benzina dotato di iniezione elettronica e distribuzione a 16 valvole da 90 cv (One) o 115 cv (Cooper). Ha così inizio (nuovamente) la “Mini mania”, che porta il brand a sfornare nuove versioni e nuovi modelli, a creare oltre 300 eventi in 10 anni, partnership con importanti manifestazioni internazionali nel campo del design, del cinema e della moda ed un legame a doppio filo con l’Italia (3° mercato in Europa e 5° al mondo per numero di immatricolazioni), Paese che da subito ha accolto con grande successo il ritorno di Mini fin dalla sua presentazione avvenuta nel 2001 a Perugia.
Mini festeggia sì i suoi primi 10 anni, ma non ha nessuna intenzione di sedersi sugli allori. A breve la Mini Coupé verrà lanciata sul mercato ed i prossimi step per il 2012 si chiameranno Roadster e Paceman. Mini ha così superato i confini di una semplice vettura, per trasformarsi in una sempre più completa gamma di prodotti, ognuno in grado di trasmettere una propria personalità ma sempre all’insegna di quel Mini style che costituisce ormai un’icona ed uno stile di vita per milioni di appassionati.
E per celebrare nel migliore dei modi il proprio decimo compleanno, Mini ha creato una versione speciale solo per il mercato italiano, la John Cooper Works Jubilee. Questa special edition ha la carrozzeria White Silver, il tetto e le calotte degli specchietti Chili Red così come la presa d’aria posta sotto alla calandra anteriore e la zona delle luci retronebbia e di retromarcia sul posteriore. Il tema del tricolore (si festeggia anche il 150° dell’Unità d’Italia!) è completato da specifiche stripes che corrono lungo le fiancate della vettura. Il classico British Racing Green, il Chili Red ed una parte trasparente che rende visibile il White Silver della carrozzeria offrono un’interpretazione, originale e coerente con la storia di Mini, del tricolore italiano. Un esclusivo badge identificativo posto sull’aggressiva calandra anteriore a nido d’ape conferisce ulteriore personalità a questa specialissima versione celebrativa che anche negli interni conferma il tema legato al tricolore grazie alla raffinata selleria in pelle Classic Green e la plancia e le ellissi delle portiere in Chili Red. L’atmosfera raffinata ed esclusiva è completata dal rivestimento in pelle Satellite Grey Carbon Black della plancia Mini Yours.
La vettura sarà prodotta in 150 unità e disponibile nelle concessionarie ad un prezzo di 38.500 euro solo per i mesi di settembre e ottobre. (ore 18:00)

SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.