Treviso –  <<L’aumento di un punto sull’Iva determinerà un aggravio di costi per gli italiani di quasi 220 euro per ogni auto acquistata (435mln di euro all’anno). All’Iva si dovrà poi aggiungere il surplus sull’Ipt: provvedimenti capestro che metteranno in panne il sistema italiano dell’automotive>>.
 Così, intervistato da Quintegia in vista del Top Dealer Forum di Verona (12-13 ottobre), il presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi, ha quantificato il rincaro che peserà sugli acquirenti in seguito alla maggiorazione dell’Iva prevista dalla manovra finanziaria e in attuazione da domani.
<<Nel 2010 – rileva Bernacchi – nonostante i dati negativi, il settore auto ha comunque garantito alle casse dello Stato quasi 68 miliardi di euro, pari a circa il 16,6% dell’intero gettito fiscale nazionale, oltre alla più alta incidenza sul PIL di Germania, Francia, Gran Bretagna e Spagna>>.
Secondo Federauto, che sarà presente al Top Dealer Forum organizzato da Quintegia (società trevigiana leader in Italia nei settori ricerca e formazione per l’automotive) i nuovi freni all’acquisto di automobili rischiano quindi di mettere in ginocchio un settore che nei primi mesi di quest’anno ha gia’ perso l’11% nelle vendite di auto nuove, mentre il sistema di tassazione e’ in crescita continua (+1,2% nel 2010 sul 2009), a partire dalla tassa di possesso che da sola vale 6,6mld di euro. Il punto della situazione all’International Top Dealer Forum (Verona, 12-13 ottobre), appuntamento che riunirà i più importanti concessionari europei dell’automobile. Solo in Italia i 50 maggiori concessionari danno lavoro a 11mila addetti e movimentano quasi il 20% del mercato attraverso il contatto diretto con oltre 2.350.000 clienti finali all’anno, grazie alla vendita di auto nuove, usate e all’assistenza. All’International Top Dealer di Verona sono attesi circa 200 imprenditori dei grandi dealer provenienti dai principali mercati UE; un’occasione per condividere strategie, soluzioni pratiche e business per il rilancio del settore. (ore 15:20)

NO COMMENTS

Leave a Reply