Suzuki, semestre in chiaroscuro

Suzuki, semestre in chiaroscuro

Tokio – Suzuki Motor Corporation ha reso pubblici i risultati economici consolidati del primo semestre dell’esercizio sociale che si chiuderà il 31 marzo 2012, periodo in cui il risultato operativo consolidato ha registrato un netto miglioramento  rispetto alle precedenti previsioni tant’è che  ha, altresì, comunicato una crescita degli acconti dividendo di 1yen per azione.
Il fatturato consolidato nei primi sei mesi dell’esercizio sociale è diminuito di 92,6 miliardi di Yen (7%) rispetto al pari periodo dell’esercizio precedente, consuntivando 1.226,2 miliardi di yen. La diminuzione è conseguenza dell’impatto determinato dal terremoto che ha colpito l’est del Giappone, delle fluttuazioni del tasso di cambio, a seguito dell’apprezzamento dello yen e del calo delle vendite in India. L’utile operativo consolidato è diminuito del 5,9% (4,1 miliardi di yen) scendendo a 64,7 miliardi di yen rispetto al pari periodo dell’esercizio precedente. Il Gruppo ha limitato il decremento dell’utile operativo consolidato, adottando una serie di misure quali l’incremento della produzione e delle vendite sul mercato interno e una significativa riduzione dei costi operativi e delle spese. L’utile operativo consolidato è stato, comunque, superiore rispetto alle precedenti previsioni, con un aumento del 61,8% (+ 24,7 miliardi di yen).  
L’utile consolidato della gestione ordinaria è diminuito del 9,8% (7,3 miliardi di yen) assestandosi a 67,6 miliardi di yen, crescendo comunque del 35,1% rispetto alle precedenti previsioni (+ 17,6 miliardi di yen). L’utile netto consolidato per i primi sei mesi dell’esercizio sociale è di 32 miliardi di yen,  con un aumento del 5,3% (+ 1,6 miliardi di yen) rispetto al pari periodo dell’esercizio precedente e del 6,7% rispetto alle precedenti previsioni (+ 2 miliardi di yen).
Le ragioni dell’incremento dell’utile netto consolidato sono diverse, tra cui i guadagni derivanti dalle vendite di azioni General Motors, nonostante l’accantonamento di 17,5 miliardi di yen per le eventuali spese straordinarie per fronteggiare eventuali danni causati da possibili futuri tsunami.
Suzuki Motor Corporation ha deciso di pagare l’acconto dividendi pari a 7 yen per azione, ovvero 1 yen in più rispetto al pari periodo del precedente esercizio sociale, a seguito dei risultati operativi consolidati migliori rispetto alle precedenti previsioni.
Il settore motocicli, a seguito dell’incremento delle vendite in Nord America e Asia e della riduzione dei costi fissi, ha registrato un aumento delle vendite consolidate del 4,9% (+137,7 miliardi di yen) rispetto al pari periodo dell’esercizio sociale precedente, mentre, a seguito della riduzione dei costi fissi, l’utile operativo consolidato ammonta a 700 milioni di yen (contro una perdita di 4,1 miliardi di yen del pari periodo dell’esercizio sociale precedente). L’utile operativo consolidato è migliorato notevolmente, rispetto al pari periodo dell’esercizio sociale precedente, e nel secondo trimestre (lug-set 2011) ha registrato un utile come nel primo trimestre.
Nel settore automobili, il numero di unità vendute è cresciuto soprattutto in Indonesia, Tailandia e Pakistan. A causa della riduzione della produzione a seguito del terremoto  avvenuto nell’area est del Giappone, alle fluttuazioni dei tassi di cambio, a seguito dell’apprezzamento dello yen e alla diminuzione delle vendite in India, il fatturato consolidato è diminuito dell’8,7% (-101,4 miliardi di yen) assestandosi su 1.062 miliardi di yen. L’utile operativo consolidato è di 60,3 miliardi di yen, 13% (9 miliardi di yen) in meno del pari periodo del precedente esercizio sociale.
Le vendite del settore marine e le restanti attività di Suzuki Motor Corporation ammontano a 26,5 miliardi di yen e registrano un aumento del 9,4% (+2,3 miliardi di yen) rispetto al pari periodo dell’esercizio sociale precedente, grazie a un aumento delle vendite di motori fuoribordo in Giappone, Europa, Nord America e Asia. Anche l’utile operativo consolidato di 3,7 miliardi di yen è aumentato del 1,8% (100 milioni di yen) rispetto al pari periodo dell’esercizio sociale precedente.
Inoltre, il risultato operativo nel Nord America è decisamente migliorato, registrando una perdita di 300 milioni di yen nei primi sei mesi dell’attuale esercizio sociale, rispetto alla perdita di  2,1 miliardi di yen registrata nel medesimo periodo dell’esercizio precedente. (ore 10:31)

NO COMMENTS

Leave a Reply