Roma – I costruttori cinesi di automobili riconoscono l’importanza di produrre auto sicure. Lo evidenzia EuroNcap, il programma per la sicurezza dei veicoli promosso dall’Aci con altri Automobile Club internazionali insieme a varie associazioni di produttori, consumatori ed assicurazioni, nonché da sette governi europei. Negli ultimi crash-test, le cinesi Geely e MG hanno conseguito la valutazione di “4 stelle” su 5, un buon risultato che lascia sperare nel futuro raggiungimento del massimo dei voti, anche quando entreranno in vigore i nuovi e più severi parametri EuroNcap.
Nell’ultima serie di test sono stati valutati 14 modelli di auto. Otto sono stati promossi con il massimo dei voti: Chevrolet “Malibu”, Kia “Rio”, Mercedes “C-Class Coupe” e “B-Class”, Range Rover “Evoque”, Subaru “XV”, Volkswagen “Beetle” e “up!” (quest’ultima gemella di Seat “Mii” e Skoda “Citigo”). Sei le auto con quattro stelle: Fiat “Panda”, Geely “Emgrand C7”, Jaguar “XF”, Jeep “Grand Cherokee”, MG “6” e l’elettrica Renault “Fluence Ze”. Alcuni modelli sono stati inoltre insigniti del premio EuroNCAP Advanced per l’adozione di sistemi innovativi per la sicurezza.
Sorprende la Fiat Panda, penalizzata di una stella per la mancanza del dispositivo di controllo elettronico della stabilità Esp tra gli equipaggiamenti standard, malgrado la normativa imponga che sia di serie nei modelli di nuova immatricolazione già dal 2012. A questo proposito la Fiat ha diramato un comunicato per precisare che <<l’equipaggiamento del sistema Esp sarà disponibile nei primi mesi del 2012 sull’intera gamma Panda>>.
Alla serie di test ha partecipato anche un laboratorio italiano, il Csi di Bollate (MI),laboratorio ufficiale accreditato per l’effettuazione delle prove EuroNcap in Italia.(ore 12:08)