Roma – “Maglia rosa” a Bologna, “maglia nera” a Foggia. Sono i due estremi della classifica della 22ma edizione della ricerca annuale de “Il Sole 24 Ore” sulla “Qualità della vita nelle province italiane”, nella quale Milano sale al 19mo posto, Roma al 23mo pur guadagnando ben dodici posizioni, Napoli e Torino si trovano rispettivamente al 105mo posto e al 51mo.
L’indagine attraverso le statistiche più recenti mette a confronto la vivibilità nelle 107 province italiane in sei aree significative: tenore di vita, affari e lavoro, servizi-ambiente-salute, popolazione, ordine pubblico e tempo libero. Ciascuna area è suddivisa a sua volta in 36 parametri e alla pagella finale si arriva attraverso il calcolo dei voti. L’indagine ripropone l’annoso divario Nord-Sud. Per arrivare alla prima realtà del Mezzogiorno bisogna scendere fino al 45mo posto occupato da Olbia-Tempio;partendo dal fondo classifica bisogna risalire fino all’84mo posto per incontrare una provincia non meridionale, Frosinone. Anche nelle sei graduatorie di tappa è il Nord a prevalere: Treviso nel “tenore di vita”, Ravenna in “affari e Lavoro”, Trieste nei “servizi”, Piacenza nella “popolazione” e Rimini nel “tempo libero”. Il Sud eccelle nell'”ordine pubblico” con Oristano che conquista la palma della sicurezza. (ore 12:45)