Roma – Caruburanti, che sberla! I prezzi sono saliti vertiginosamente: compreso l’effetto moltiplicatore dell’Iva l’impennata è di circa 10 centesimi per la benzina, 13,6 centesimi per il diesel, 2,7 per il Gpl e 4 millesimi al metro cubo per il metano auto. I prezzi raccomandati ai gestori per il servito salgono quindi a livello medio nazionale a 1,715 euro/litro per la benzina, 1,705 euro/litro per il diesel e 0,750 euro/litro per il Gpl. Di conseguenza risultano in forte crescita i prezzi praticati da Nord a Sud per effetto delle nuove imposte sebbene gli incrementi non siano stati ancora pienamente applicati da tutti gli impianti. Stesso discorso per le no-logo.
È quanto emerge dal monitoraggio di quotidianoenergia.it in un campione di stazioni di servizio rappresentativo della situazione nazionale per check-up prezzi QE. Il prezzo medio praticato della benzina (in modalità servito) va oggi dall’1,697 euro/litro degli impianti Esso all’1,709 di quelli Tamoil (no-logo a 1,602). Per il diesel si passa dall’1,677 euro/litro di IP all’1,691 di TotalErg (no-logo a 1,567). Il Gpl, infine, è tra lo 0,735 euro/litro di Eni e lo 0,750 di Shell (no-logo giù a 0,721).
E’la quinta volta quest’anno che si mette mano alle accise. Tra cultura, immigrati, alluvioni e ora esigenze di conti pubblici da aprile ad oggi la sola accisa è cresciuta in tutto di 14 centesimi al litro per la benzina e 17 centesimi per il diesel. Compresa l’Iva il rincaro arriva a oltre 16 centesimi per la verde e 20 centesimi per il diesel. Di questi è in scadenza a fine anno poco più di 1 centesimo relativo ai fondi per le alluvioni, ma da gennaio 2012 scatterà un nuovo aumento delle accise deciso con la legge di stabilità di novembre, ultimo atto del Governo Berlusconi, per rendere strutturale il bonus fiscale per i gestori e per fare fronte alla riscossione agevolata delle imposte nelle zone terremotate dell’Abruzzo. Fanno +0,3 centesimi al litro. (ore 10:00)