Roma – Sono oltre 8.000 i ragazzi neopatentati che nel 2011 hanno partecipato agli incontri del Sara Safe Factor, il progetto di educazione stradale ideato e portato avanti da Sara Assicurazioni in collaborazione con Aci, Aci Sport e Seat, per gli studenti in età da patente di una trentina di città italiane grandi e medio-grandi. Quasi 30.000 i ragazzi coinvolti nel Sara Safe Factor dal 2005 ad oggi.
Agli incontri nelle scuole e ai test drive, svolti in 14 città italiane con le Ibiza messe a disposizione da Seat, hanno partecipato i piloti professionisti Valentina Albanese e Andrea Montermini, che hanno portato la loro diretta esperienza, fatta di regole precise e dell’utilizzo di sistemi per la sicurezza personale sia in gara sia su strada. Attraverso semplici prove pratiche eseguite in aree attrezzate i ragazzi hanno avuto la possibilità di apprendere in situazioni totalmente controllate l’importanza di una guida corretta e responsabile.
Oggi all Centro Aci Sara di Vallelunga si è conclusa l’ottava edizione. La giornata è stata dedicata alla premiazione dei 50 migliori classificati del concorso on line sulla sicurezza stradale: in pista, a bordo delle Ibiza hanno avuto l’opportunità di frequentare il corso di guida sicura con gli istruttori qualificati del Centro Aci Sara e sono diventati soci Aci grazie alle tessere Aci Okkei consegnate al termine del corso. Un superfortunato estratto a sorte ha vinto una Ibiza.
Alle 12 si è tenuta una conferenza stampa alla presenza dell’ing. Sticchi Damiani, presidente Aci, dell’avv. Rosario Alessi, presidente Sara Assicurazioni, del dott. Alessandro Santoliquido, direttore generale Sara Assicurazioni, del dott. Stefano Sordelli, responsabile marketing Seat Italia, che hanno portato avanti l’ interessante progetto.
La Fondazione Ania per la sicurezza stradale, rappresentata dal segretario generale Umberto Guidoni, ha testimoniato il suo impegno su questo fronte e l’apprezzamento per l’iniziativa portata avanti da Sara. Moderatore della conferenza è stato Mario Mattioli, giornalista Rai Sport.
Nell’occasione sono stati commentati i più recenti dati Aci-Istat sugli incidenti stradali in Italia, ed è stato presentato in anteprima il programma 2012 del Sara Safe Factor, che è ripartito il 7 marzo. Gli ottimi risultati conseguiti quest’anno consentono infatti di gettare le basi per una nuova edizione 2012 ancora più ricca e articolata.
<<L’auto è passione, libertà, svago e divertimento – ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani – soprattutto per i giovani che la identificano come ‘il primo giocattolo da grandi’. Il problema sta nel fatto che i ragazzi non conoscono i rischi e le regole del gioco, come dimostrano le statistiche Aci-Istat che evidenziano un picco della mortalità sulle strade tra i 18 e i 22 anni di età. Con Sara Safe Factor li coinvolgiamo con i loro linguaggi attraverso i canali di comunicazione che gli sono propri, culminando l’evento in un autodromo come quello di Vallelunga che è il luogo ideale per avvicinare i ragazzi e le loro famiglie coniugando i valori della sicurezza stradale con quelli positivi ed emozionanti dello sport>>.
<<Per Sara, la sicurezza stradale comporta da sempre un impegno di prima grandezza
– ha detto l’avv. Alessi – Anzitutto per il suo alto valore etico. In secondo luogo perché, a ben riflettere, è certamente il sistema più conveniente e più nobile per ridurre il costo delle assicurazioni; tema sul quale c’è un forte dibattito nel nostro Paese. Con questi punti di riferimento ci siamo mossi e ci moviamo per far capire ai giovani quanto è importante il rispetto delle regole quando si è alla guida di un mezzo. Abbiamo deciso fin dall’inizio di questo nostro esperimento di affidare a dei piloti, che i giovani seguono e ammirano, proprio il compito di insegnare l’educazione stradale. I risultati sono molto incoraggianti e ci spingono a continuare la nostra iniziativa, adeguandola costantemente agli stili di vita e al linguaggio dei ragazzi e delle ragazze del nostro tempo>>.
<<Siamo molto soddisfatti per i successi ottenuti nel corso del 2011
– ha aggiunto dichiara Marco Brachini, direttore marketing Sara Assicurazioni – Questa edizione è stata ancora più significativa, anche grazie ad una presenza sempre più attiva su Facebook con la pagina Sara Safe Factor, dedicata alla sicurezza stradale. Un modo innovativo per parlare ai giovani di guida sicura usando il loro linguaggio. In pochi mesi si sono iscritti alla pagina quasi 8.000 ragazzi, di cui una buona percentuale ha giocato al game on line sulla guida sicura. E’ un progetto che portiamo avanti ormai 8 anni. Ci crediamo molto ed è già partita l’edizione 2012, che prevede anche un nuovo gioco on line e un nuovo concorso>>.
<<Il luogo comune sui piloti sportivi
– ha spiegato Valentina Albanese – è che amiamo il rischio e non abbiamo regole. Non è vero. La sicurezza e la prudenza sono parte integrante del nostro lavoro. In pista, come sulla strada, di regole ce ne sono ed è vitale per noi rispettarle. Ai giovani vorrei raccomandare massima prudenza. Anche se le auto di ultima generazione hanno migliorato i parametri di sicurezza, siamo noi alla guida, sta in primo luogo a noi rispettare la nostra vita e quella altrui>>. (ore 17:15)