Rüsselsheim –  La  Opel Insignia n. 550milaè uscita dalla linea della fabbrica tedesca di Rüsselsheim con una cerimonia a cui ha partecipato il direttore dello stabilimento Axel Scheiben. Il veicolo in questione è una Insignia Sports Tourer bianca dotata di un motore all’avanguardia come il 2.0 BiTurbo Cdti (143 kW/195 cv di potenza, 400 Nm di coppia) che ha debuttato sul mercato a febbraio.
<<Io e tutti i dipendenti dello stabilimento siamo estremamente orgogliosi del risultato conseguito oggi. Dal lancio di Insignia nell’ottobre 2008, il nostro personale ha superato se stesso – ha dichiarato Scheiben – Fin dall’inizio sapevamo che Insignia sarebbe stata un modello vincente. Mi fa molto piacere che la n. 500mila Insignia monti l’ultimo diesel due litri BiTurbo, il nuovo propulsore lanciato di recente che è già stato estremamente apprezzato dalla stampa e dal pubblico>>.
A parte il turbo sequenziale con due compressori di dimensioni diverse, Insignia 2.0 BiTurbo Cdti è la prima automobile a montare un doppio intercooler con due circuiti di raffreddamento completamente separati. Grazie al doppio turbo sequenziale con due stadi di compressione, Insignia è stata progettata per essere particolarmente elastica e reattiva nelle fasi di accelerazione. Ciò vale in particolare per la Insignia Sports Tourer con cambio manuale a sei velocità, dispositivo Start/Stop e trazione anteriore, che è in grado di passare da zero a 100 km/h in soli 8,9 secondi e di raggiungere una velocità massima di 228 km/h. Pur vantando prestazioni così elevate, i consumi si limitano a 5,4 l/100 km e le emissioni di CO2 a soli 134 g/km.
In gamma è inoltre presente il nuovo 1.4 Turbo (103 kW/140 cv) benzina, uno dei propulsori più efficienti nel segmento delle medie, con consumi pari a soli 5,7 litri per 100 chilometri ed emissioni di CO2 di 134 g/km.
Dal debutto nel 2008, Insignia ha vinto oltre 50 premi internazionali, tra cui il prestigioso “Auto dell’Anno 2009”. In termini di affidabilità, Insignia è risultata la migliore auto usata nel segmento delle vetture medie (settembre 2011) per il “GTÜ” (Associazione per la Supervisione Tecnica), l’istituto tedesco che si occupa di auto usate. Inoltre, Insignia ha ottenuto per la seconda volta consecutiva un importante riconoscimento nel rapporto auto usate 2012 di Dekra. Il veicolo è giunto infatti al primo posto nel proprio segmento per il minor numero di difetti. I riconoscimenti degli esperti si riflettono anche nella domanda del mercato, con la Russia in questo momento in testa alla classifica in termini di crescita delle vendite. Nel 2011 si sono vendute in Europa circa 150.000 Insignia, con il Regno Unito e la Germania che restano i mercati principali, rispettivamente con 46.000 e 26.000 unità. Sul mercato italiano, Insignia si è posizionata seconda nel suo segmento nel 2010 e terza nel 2011.
Di tutte le Insignia prodotte a Rüsselsheim, circa il 40 per cento sono Sports Tourer, un altro 40 per cento berlina 5 porte, e il restante 20 per cento berlina 4 porte. Per quanto riguarda l’Italia, Insignia Sports Tourer rappresenta l’80 per cento del totale delle vendite.
Lo stabilimento di Rüsselsheim ha iniziato l’attività nel gennaio 2002 ed è l’unico stabilimento General Motors in Europa in grado di assemblare veicoli di due segmenti diversi sulla stessa linea (in questo caso vetture compatte e medie), risultando così all’avanguardia.Rüsselsheim produce 60 veicoli all’ora, ossia 860 al giorno, tra cui i modelli Insignia berlina 5 porte, berlina 4 porte e Sports Tourer e Astra 5 porte. La catena di montaggio richiede pertanto un elevato livello di flessibilità. I 770 robot completamente automatici presenti sulla linea sono stati programmati per distinguere tutti i diversi modelli e sono in grado di operare con le circa 9.000 parti diverse utilizzate per la costruzione di Insignia. I 3.000 dipendenti lavorano su due turni in quello che è uno dei più moderni impianti per la produzione di automobili nel mondo. (ore 16:30)