Mumbai – Fiat e Tata, con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente il marchio Fiat in India, hanno concordato il trasferimento della gestione delle attività commerciali e di distribuzione relative al marchio Fiat ad una società indipendente di proprietà della Fiat. La responsabilità gestionale relativa alle attività di distribuzione dei prodotti Fiat, svolte da una rete di concessionari congiunta Fiat-Tata, è attualmente affidata a Tata Motors.
Nell’ambito dei propri piani di sviluppo ed al fine di assicurare una maggiore focalizzazione sul marchio Fiat, Tata Motors trasferirà la responsabilità delle attività di distribuzione e assistenza relative alle vetture Fiat in India ad una società di proprietà di Fiat che verrà costituita a tale scopo.
Costituita nel 2006, la joint venture comprende anche attività produttive, che rimarranno inalterate in quanto non rientranti nell’ambito del nuovo accordo, svolte in un modernissimo stabilimento situato a Ranjangaon, nello stato indiano del Maharashra, dedicato alla produzione di vetture Fiat e Tata nonchè motori e trasmissioni per il mercato locale ed estero. Inoltre, la joint venutre ha recentemente annunciato un contratto per la fornitura di motori diesel SDE alla Maruti Suzuki. Nei cinque anni dalla costituzione, la JV industriale ha prodotto circa 190.000 vetture e 337.000 motori e continuerà a fornire vetture e motori ad entrambe Fiat e Tata.
Lo sviluppo della nuova rete di concessionari Fiat avverrà in modo progressivo. I 178 concessionari Tata affiliati Fiat, presenti in 129 città, saranno incoraggiati a costituire le basi della rete futura. Fiat creerà una nuova società indipendente alla quale verrà trasferita la responsabilità di tutte le attività commerciali e di assistenza relative al marchio, che sono attualmente gestite da un team Tata dedicato. Fiat e Tata si adopereranno per rendere graduale il passaggio delle attività di vendita e assistenza, garantendo gli abituali servizi alla rete e ai clienti. (ore 12:46)