Torino – Fiat intende sostenere gli sforzi della diplomazia internazionale per una soluzione diplomatica delle questioni relative ai rapporti con l’Iran e a tal fine ha deciso che, con effetto immediato, le sue società controllate non svolgeranno più attività relativamente a prodotti o componenti la cui destinazione finale nota sia l’Iran. <<Saranno adempiuti gli obblighi giuridicamente vincolanti per i limitati impegni già esistenti – è precisato in un comunicato del Lingotto – Le vendite a soggetti iraniani concluse negli scorsi anni da società controllate di Fiat sono state non significative dal punto di vista sia quantitativo, sia qualitativo ed hanno interessato prodotti esclusivamente ad uso civile. Le attività delle società controllate da Fiat che hanno intrattenuto rapporti commerciali con società iraniane sono sempre state condotte in conformità a tutte le normative applicabili incluse quelle dell’Onu, dell’Unione Europea e dell’Italia>>. (ore 18:30)