Milano – L’Area C di Milano è sopravvissuta all’ennesimo tentativo di sospensione. La terza sezione del Tar della Lombardia ha infatti respinto (8/10/2012) l’istanza cautelare proposta da Mediolanum Parking Srl – lo stesso il cui ricorso aveva invece ottenuto esito positivo, causando la sospensione estiva del provvedimento – per bloccare un’altra volta la cosiddetta Area C.
La sperimentazione, ripartita il 17 settembre, avrà una durata di sei mesi. Ma come funziona e chi può accedere? Solo veicoli elettrici, moto e motorini – e per il 2012, le vetture ibride e i bifuel alimentati a metano e GPL – possono circolare liberamente all’interno della zona a traffico limitato della Cerchia dei Bastioni (dal lunedì al venerdì, dalle ore 07:30 alle ore 19:30). Per il resto, divieto assoluto o l’acquisto di un ticket d’ingresso da 5 euro al giorno (sono previste agevolazioni per i residenti). 
La delibera comunale del 6 settembre ha introdotto alcune novità. Tra queste un protocollo d’intesa tra il Comune di Milano e l’Associazione Provinciale Autorimesse (Apa), con l’obiettivo di decongestionare il traffico e aumentare gli spazi riservati alla mobilità sostenibile. Il ruolo dell’Apa sarà quello di promuovere accordi tra il Comune e le autorimesse della Ztl Cerchia dei Bastioni che introdurranno nuove tariffe rispetto a quelle della sosta a pagamento su strada. La delibera stabilisce anche che il giovedì le telecamere di Area C rimarranno accese fino alle 18, e non fino alle 19.30 come negli altri giorni feriali.
<<L’Area C, utile a ridurre il traffico e l’inquinamento, rende sicuramente – ha affermato Alessandro Tramontano, presidente del Consorzio Ecogas –  la città più vivibile. L’accesso gratuito all’area per veicoli ibridi (Gpl e Metano) sottolinea ancora una volta quanto l’utilizzo dei carburanti gassosi per autotrazione, oggi, risponde ancora di più e pienamente alla necessità di coniugare economia ed ecologia>>.