Palermo – Dopo tre giorni di competizione attraverso i più suggestivi panorami della Sicilia si sono conclusi la Targa Florio Classic e il Ferrari Tribute to Targa Florio, manifestazioni organizzate sotto l’egida dell’Automobile Club di Palermo, promosse dalla Fondazione Targa Florio Onlus e organizzate da MAC Group.
Alla Targa Florio Classic trionfa l’equipaggio composto da Giordano Mozzi-Irene Guarnieri su Fiat 1100/103 E del 1957. L’eccezionale navigatrice, elegante signora di 78 anni, con il suo contributo ha permesso a Mozzi di avere la meglio nell’ultima prova lungo lo storico Circuito delle Madonie. Il secondo posto è stato ottenuto da Marco Gatta e Mara Pelizzari su Jaguar XK 120 OTS del 1953.
Alla partenza c’erano vetture che rappresentavano 28 marchi automobilistici e 200 equipaggi partecipanti: 136 iscritti a Targa Florio Classic e 64 al Ferrari Tribute. La gara di regolarità ha messo alla prova anche i piloti più esperti.
Sono infatti tornati a “correre” sul Circuito delle Madonie piloti storici come Nanni Galli e Vic Elford, che dopo quasi 45 anni hanno ricordato la gara in cui quest’ultimo soffiò il gradino più alto del podio a Galli proprio a fine corsa.
Al nastro di partenza anche Nino Vaccarella, vincitore di tre Targa Florio.
Insieme a loro Arturo Merzario (vincitore di due gare di velocità, nel 1972 e nel 1975), Gijs van Lennep, che è entrato nell’albo d’oro della Targa Florio con la vittoria del 1973 su una Porsche 911 Carrera RSR, e Hans Herrmann, che partecipò nel 1960 in coppia con Joakim Bonnier su Porsche 718 RS60 Spyder.
Per il Ferrari Tribute to Targa Florio sono due i vincitori assoluti: uno per la categoria Ferrari Classiche e uno per le Ferrari Moderne. Primo assoluto della gara Ferrari Tribute to Targa Florio Classiche è Antonio Ghini, in equipaggio con Cristina Valenza sulla splendida 265 GTB4 del 1970, detta anche Daytona.
Il team composto da Gino Verghini-Lamberto Fuso, a bordo di una Ferrari 512 Tr del 1992, ha vinto per il secondo anno consecutivo tra le vetture della Casa del Cavallino costruite dal 1981 a oggi.
La Coppa delle Dame è andata all’equipaggio composto da madre e figlia: Nazarena Di Franco e Soraya Indelicato su Alfa Romeo GT1300 Junior del 1972.
I vincitori sono stati premiati nello spettacolare Teatro Politeama Garibaldi, a Palermo, la città che sabato sera ha accolto con grande calore gli equipaggi che hanno sfilato nella centralissima via delle Libertà, anche alla presenza del Sindaco.
Lungo diversi tratti del percorso si è vista la Sicilia migliore ai bordi della strada. Giovani che guardavano meravigliati e che fotografavano il passaggio delle auto, anziani ancor più entusiasti che commentavano insieme ricordando emozioni uniche e ripetibili.
Le vetture sono partite dalle Tribune di Cerda per lanciarsi sul Circuito delle Madonie e poi in un intenso giro della Sicilia che ha toccato Pergusa, Caltagirone, Ragusa e ancora Noto, Siracusa, Catania, Aci Trezza, Taormina e Cefalù. Tutto in un impegnativo percorso che ha fatto salire le auto anche lungo le curve dell’Etna, dei Nebrodi e del Parco Nazionale dell’Alcantara.
Questa rievocazione storica della Targa Florio è servita non soltanto allo sport ma anche e soprattutto a far scoprire ai numerosi partecipanti internazionali i tesori di una terra straordinaria.