Roma – Nel 2011 in Italia il trasporto interno ed internazionale su strada ha movimentato complessivamente 1.314,6 milioni di tonnellate di merci. Il 70,2% in tonnellate del trasporto di merci interni su strada è avvenuto su percorsi a breve raggio (entro i 100 km), mentre l’incidenza dei trasporti su percorsi medio-lunghi (da 101 ad oltre 500 km) è stata il 29,8% del totale.
I dati sono stati elaborati sulla base di rilevazioni dell’Istat dall’Osservatorio Autopromotec, la struttura di ricerca di Autopromotec, la più specializzata rassegna espositiva internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico.
La preponderanza dei percorsi a breve raggio (70,2% sul totale) nel trasporto interno su gomma, oltre che alle caratteristiche del territorio nazionale e del sistema distributivo, è dovuta anche alla grande frammentazione del settore dell’autotrasporto che nel nostro Paese è composto da un elevato numero di imprese monoveicolari (i cosiddetti padroncini).
Secondo l’Osservatorio Autopromotec, ciò comporta che per gli interscambi tra imprese di aree industriali limitrofe di norma siano utilizzati i padroncini che operano quasi esclusivamente su tratte locali. Il grande numero di padroncini che operano sul mercato dell’autotrasporto nazionale non rappresenta in ogni caso un fatto negativo, in quanto i piccoli operatori hanno un maggior grado di flessibilità nell’adattarsi alle mutate esigenze del mercato.
Resta il fatto che <<un’elevata frammentazione degli operatori – dice Autopromotec – non contribuisce ad aumentare l’efficienza del sistema, in quanto, rispetto ai padroncini, le grandi organizzazioni dell’autotrasporto in genere sono più competitive in termini di servizi, di processi di gestione degli autoveicoli e dei carichi. La ricerca dell’efficienza per gli autotrasportatori italiani, in una difficile contingenza economica come quella attuale, è particolarmente importante data la concorrenza anche degli operatori low cost provenienti dai paesi dell’Est>>.
Lo scenario competitivo dell’autotrasporto merci pone in grande evidenza per tutto il settore dell’autotrasporto l’esigenza di una crescente razionalizzazione, sia in termini di contenimento dei costi sia in termini di miglioramento della qualità dell’offerta.

NO COMMENTS

Leave a Reply