Mosca – L’Alleanza Renault-Nissan e l’azienda pubblica Russian Technologies hanno creato una joint venture che raggrupperà tutte le quote detenute dai due partner nella società AvtoVaz e che svolgerà il ruolo di azionista di maggioranza, garante di una stabilità a lungo termine, nel più grande costruttore automobilistico russo, proprietario della marca Lada.
Il presidente e direttore generale di Renault-Nissan Carlos Ghosn, ha annunciato oggi la nascita della società congiunta Alliance Rostec Auto Bv, in occasione di una cerimonia svoltasi a Mosca, alla presenza di Sergey Chemezov, direttore generale di Russian Technologies e presidente del consiglio di amministrazione di AvtoVaz, e di Igor Komarov, presidente di AvtoVaz.
<<L’accordo di oggi rappresenta un valore sia per Renault, sia per Nissan e per AvtoVaz –  ha dichiarato Carlos GhosnÈ un nuovo capitolo importante nella storia di questa partnership già solida. Questa joint venture ci permetterà di accelerare la nostra espansione in Russia e al tempo stesso fornirà un supporto alla competitività di AvtoVaz, azienda leader dell’industria automobilistica in Russia>>.
L’Alleanza Renault-Nissan investità 23 miliardi di rubli (742 milioni di dollari). L’investimento le permetterà di detenere il 67.1% delle quote azionarie della joint venture entro il primo semestre 2014. La joint venture a sua volta deterrà il 74.5% del capitale di AvtoVaz.
Renault, che ha acquisito il 25% di AvtoVaz nel 2008 e ha aiutato il costruttore russo a realizzare un importante risanamento, investirà circa 11,3 miliardi di rubli nella joint venture (366 milioni di dollari) e prevede di detenere il 50,10% della joint venture entro giugno 2014. Nissan, che precedentemente non era azionista di AvtoVaz, investirà 11,7 miliardi di rubli (376 milioni di dollari) e prevede di detenere il 17,03% della joint venture entro giugno 2014. Per quella data, Russian Technologies dovrebbe controllare il 32,87% della joint venture.
Nel quadro del nuovo accordo, Russian Technologies ridurrà i suoi crediti nei confronti di AvtoVaz di 8 miliardi di rubli (258 milioni di dollari) pagati con gli introiti della vendita anticipata di azioni non strategiche di AvtoVaz. L’avanzo del debito di circa 46 miliardi di rubli (1.48 miliardi di dollari) sarà esteso fino al 2032. Questo garantirà ad AvtoVaz un bilancio solido senza problemi di liquidità. Alla fine del compimento dell’accordo nel 2014, l’Alliance Rostec Auto Bv avrà acquistato tutte le azioni in AvtoVaz attualmente detenute dalla Troika Dialog Investment Ltd.
Il consiglio d’amministrazione dell’Alliance Rostec Auto Bv sarà focalizzato sulle grandi decisioni degli azionisti di AvtoVaz e rappresenterà il luogo di discussione privilegiato tra l’Alleanza Renault-Nissan e Russian Technologies.  Nell’ambito dell’accordo Carlos Ghosn, diventa presidente del consiglio di amministrazione dell’Alliance Rostec Auto Bv. Il consiglio d’amministrazione sarà composto da:  tre rappresentanti dell’Alleanza Renault-Nissan (Dominique Thormann, vice presidente e direttore finanziario di Renault; Joseph Peter, vice presidente e direttore finanziario di Nissan; Bruno Ancelin, vice presidente senior e direttore della Regione Eurasia; due rappresentanti di Russian technologies (Sergey Chemezov e Igor Zavyalov, rispettivamente direttore generale e vice direttore generale dell’azienda pubblica).
Il consiglio di amministrazione di AvtoVaz passerà da 12 a 15 membri. L’Alleanza Renault-Nissan avrà 8 membri nel consiglio. I candidati saranno approvati durante la riunione straordinaria degli azionisti di AvtoVaz prevista per il 12 febbraio 2013. Sergey Chemezov rimarrà presidente del consiglio di amministrazione di AvtoVaz e si alternerà con Carlos Ghosn come vice presidente a partire da Giugno 2013.
<<Il mercato automobilistico russo è sul punto di diventare il numero uno in Europa – ha dichiarato Serguey Chemezov Entro il 2020, AvtoVaz e i suoi partner produrranno più di un milione di veicoli, secondo i migliori standard mondiali. Grazie alla partnership con l’Alleanza Renault-Nissan, saranno creati nuovi posti di lavoro moderni e ben remunerati a Togliatti e nella sua Regione>>.
L’accordo arriva 8 mesi dopo l’inaugurazione da parte del presidente della Russia, Vladimir Putin, di un sito di montaggio a Togliatti, nella regione di Samara, con una capacità di 350.000 veicoli l’anno e che diverrà sede di uno dei più importanti programmi di condivisione di piattaforme dell’Alleanza Renault-Nissan. La produzione della Lada Largus è gia iniziata nella primavera 2012 mentre la produzione della nuova Nissan Almera è stata appena lanciata con un progressivo aumento di cadenza fino alla primavera del 2013. Nel 2013, i piani produttivi apriranno le porte a 5 nuovi modelli dei 3 marchi Lada, Renault e Nissan. Gli investimenti in questo progetto porteranno circa 400 milioni di euro.
I partner dispongono di altri siti di produzione in Russia: a Mosca, a San Pietroburgo e a Izhevsk (a 700 km a nord di Togliatti, in una fabbrica acquistata da AvtoVaz nel 2012). Ogni partner, continuerà a beneficiare di nuovi progetti ed investimenti.  Con i miglioramenti apportati nello stabilimento di Togliatti e quelli progettati per gli altri siti industriali, Renault-Nissan e AvtoVaz avranno in Russia una capacità produttiva di circa 1,7 milioni di veicoli l’anno a partire dal 2016.
<<Il rafforzamento della nostra partnership è una tappa logica nella nostra collaborazione – ha affermato Igor KomarovDa ieri, con l’avvio di produzione a Togliatti di un primo modello Nissan, AvtoVaz è un costruttore multi-marca. La nostra rapida integrazione migliorerà l’efficienza della nostra cooperazione e accrescerà la nostra quota di mercato>>.
 La produzione totale dell’industria automobilistica in Russia lo scorso anno ha raggiunto i 2,65 milioni di veicoli, inclusi i veicoli commerciali. Nel 2012, si stima che il volume crescerà fino ai 2,9 milioni di unità.La Russia è attualmente il terzo mercato per importanza dell’Alleanza Renault-Nissan. L’Alleanza ha venduto 878.990 veicoli in Russia lo scorso anno, incluse 578.387 Lada, per una quota di mercato di circa il 33%.