Toyota per “ElettroShopping” e “Via col Verde”

Toyota per “ElettroShopping” e “Via col Verde”

Roma – Toyota partecipa a due iniziative in pratica equivalenti. Domenica 16 dicembre è partita a Roma l’iniziativa ElettroShopping, nuovo progetto di sensibilizzazione e promozione sul territorio della mobilità sostenibile realizzato da Roma Capitale-assessorato alla Mobilità, Enel e Ruote per Aria in collaborazione con l’Agenzia per la Mobilità, Mare Nostrum-Acquario di Roma. L’iniziativa durerà fino al 23 dicembre. Toyota aderisce all’iniziativa offrendo ai cittadini interessati la possibilità di provare la nuovissima Prius Plug-in, la prima ibrida ricaricabile sul mercato. Appena introdotta in Italia, questa automobile innovativa, l’ultima evoluzione della tecnologia ibrida, permette di viaggiare in modalità esclusivamente elettrica per circa 25 km attraverso una ricarica di soli 90 minuti da una presa di corrente convenzionale a 230V.
Lo shopping natalizio nelle vie centrali della città in cui è stato predisposto il servizio,  piazza Cola di Rienzo, piazza Conca d’Oro, laghetto dell’Eur (fermata metro B “Eur Palasport”), sarà confortevole ed elettrizzante effettuato a bordo di un’auto estremamente rispettosa dell’ambiente.
Offerto gratuitamente a quanti avranno utilizzato il mezzo pubblico, dietro presentazione del biglietto vidimato o della tessera. Chiunque fosse interessato, dopo una breve conoscenza del mezzo fornita da operatori specializzati, potrà condurre in prima persona un test drive (prenotabile anche tramite web al sito www.ruoteperaria.com). Un viaggio di sola andata grazie al quale si potrà fare una nuova esperienza con la possibilità di avvicinarsi alla meta scelta per gli acquisti.
Prius Plug-in completa la gamma ibrida Toyota e Lexus, composta di numerosi modelli dalla city car Yaris Hybrid, alla compatta Auris, fino ad arrivare ai modelli della famiglia Prius completa di berlina, monovolume 7 posti Prius + e la ricaricabile. Una gamma ibrida di successo, testimoniato dagli oltre 4,6 milioni di unità sulle strade di tutto il mondo e in continua evoluzione.
L’altra iniziaitiva vede Toyota a fianco della Unione Radiotaxi d’Italia nel progetto “Via col Verde”   Il progetto pilota, che partito dalla Compagnia Radiotaxi 3570 di Roma, sarà replicato nel corso dell’anno, dopo la fase sperimentale, su tutto il territorio nazionale. La sperimentazione di eco mobilità partirà dal prossimo Gennaio e vedrà protagonisti 50 taxi ecologici della Cooperativa “3570”. Si tratta di un modello virtuoso eco sostenibile che comprende stazioni di ricarica per taxi presso gli aeroporti, le stazioni ferroviarie, i parcheggi di scambio e tutti quei siti urbani ad alto tasso di traffico e sosta taxi, composte da impianti fotovoltaici e dossi rallenta auto cinetici, capaci di accumulare l’energia elettrica prodotta dal traffico cittadino. Alla sperimentazione partecipa non solo Underground Power, che detiene il brevetto italiano e costruisce i dossi frenanti che producono ed immagazzinano energia, ma anche con il contributo di Telecom Italia che con il Cloud di “Nuvola Italiana” supporterà l’assistenza e la gestione della mobilità dei taxi in sperimentazione.
Questo modello innovativo senza precedenti in Europa, costituisce una novità assoluta nel settore del trasporto pubblico ed ha meritato l’apprezzamento espresso dall’ architetto Giovanna Rossi responsabile per l’eco mobilità del ministero dell’Ambiente. Rossi si è anche augurata che tali iniziative si moltiplichino presto su tutto il territorio nazionale e che servano come esempio agli altri Paesi europei. La ricerca di mercato appositamente commissionata ad Interactive Market Research conferma l’interesse degli italiani per il tema della mobilità sostenibile, dal momento che il 75% degli intervistati  sarebbe molto più disposto ad utilizzare un taxi qualora fosse a basso impatto ambientale.
Completano la sperimentazione i corsi di eco mobilità dell’Università Luiss, che già da due anni propone il Mem (Master in Eco-mobility Management) e al quale i tassisti interessati e i loro figli potranno accedere a condizioni particolarmente vantaggiose.
Non solo dunque efficienza meccanica della Renault Zoe e della Toyota Prius Plug – in oggetto della sperimentazione, ma anche gestione appropriata dei percorsi, cultura della sostenibilità e passaggio generazionale, produzione di energia da fonti rinnovabili, in grado di alimentare la ricarica delle vetture pubbliche.
Partner: Toyota Prius Plug -in, berlina in grado di percorrere 25 km in solo elettrico e con emissioni medie di CO2 di 49 gr. km; Renault Zoe berlina elettrica 100% con una autonomia di 210 km; Underground Power, dossi di rallentamento produttori di energia; Telecom, Cloud di “Nuvola Italiana”; Luiss University, Mem – Master in Eco-mobility Management.
Patrocini: Commissione Europea; ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare.

NO COMMENTS

Leave a Reply