Bologna – Il successo annunciato ad Autopromotec che si conclude domenica per il convegno Iaam13, l’evento internazionale dell’aftermarket automobilistico che caratterizza la rassegna, giunto alla quarta edizione, dopo le tre in cui si è proposto come Eaas (European automotive aftermarket symposium). A conferma dell’elevato prestigio rappresentato da questo evento, unico nel suo genere in ambito europeo, il patrocinio delle principali associazioni nazionali ed europee di settore (Aica, Anfia, Airp, Clepa, Egea, Feda, Federpneus, Figiefa) e la presenza di professionisti provenienti da tutto il mondo, in rappresentanza di costruttori di veicoli, componentisti, costruttori di auto attrezzature e pneumatici, distributori indipendenti e network aftermarket.
Iaam13 ha come focus quello di fornire alle aziende e ai professionisti che operano nel settore del post vendita auto un’anticipazione delle tendenze e degli sviluppi del settore aftermarket in Europa e in alcuni Paesi strategici quali quelli del Bric (Brasile, Russia, India e Cina), offrendo agli stessi l’opportunità di trovare nuovi canali internazionali per le attività di vendita e di marketing. I Paesi del Bric offrono infatti interessanti opportunità: da grandi produttori di automobili quali sono diventati, nel prossimo decennio dovranno rispondere ai bisogni in crescita delle loro strutture di aftermarket, creando così nuove reti di distribuzione per i ricambi e le attrezzature. L’expertise europea, così come l’elevato valore tecnologico dei suoi prodotti, rappresenteranno senza ombra di dubbio un elevato valore aggiunto per soddisfare le nuove necessità di questi paesi.
Per affrontare queste tematiche oggi più che mai attuali, numerosi gli interventi che si sono succeduti con oratori provenienti dalle aree evidenziate ed esperti del mercato aftermarket, moderati da Joseph Frank, ex direttore aftermarket di Clepa, associazione che raggruppa i principali componentisti e ricambisti dell’industria automotive europea. A seguire, nel pomeriggio, si è vista una serie di incontri tra esperti e partecipanti dove questi ultimi hanno avuto modo di approfondire in incontri one-to-one le opportunità offerte dai diversi mercati internazionali: un’occasione unica per poter dialogare con importanti attori del mercato, che conferma l’attitudine di Autopromotec di promotore del successo internazionale dei propri espositori e visitatori.
Dopo i saluti di benvenuto di Giorgio Cometti, presidente Aica (Associazione italiana costruttori autoattrezzature) che ha sottolineato l’importanza di un evento di questo tipo, strategico per offrire nuovi sbocchi alle aziende costruttrici di attrezzature, è stata la volta di Frank, con l’intervento dal titolo “The political Framework for the European Automotive Industry and Cars 2020”, nel quale il relatore ha ben delineato quelle che saranno la future politiche a livello Europeo per l’industria automotive.
A seguire “Brazilian Aftermarket trends” a cura di François Passaga presidente Gipa, l’osservatorio aftermarket con oltre 25 uffici in tutto il mondo inclusi i Paesi del Bric. L’intervento ha dato ai partecipanti una fotografia dettagliata del mondo del post vendita nell’importante paese sudamericano, dove il parco auto è in costante crescita con la maggior parte di vetture alimentate a flexfuel e nel quale anche i passaggi in officina sono in aumento, a tutto beneficio del mondo dell’aftermarket.
Nella seconda parte della mattinata ha preso il microfono Pierre Fleck, Ceo di Europart holding azienda distributrice leader di ricambi per truck e bus a livello europeo, che ha portato la sua esperienza di post vendita in Russia. Il brillante intervento ha evidenziato le chiavi di successo, così come gli errori da evitare per approcciare in modo strutturato la Russia, mercato particolare dove è fondamentale avere un partner locale per capire le logiche commerciali al meglio e operare con successo.
In conclusione le importanti testimonianze per Cina e India, rispettivamente da parte di Wayne Xing di Cbu China, casa editrice e società che offre servizi di business intelligence con sede a Pechino, e di Les Parfitt, socio di Tmg advisory India, società multinazionale di business consulting. L’intervento per la Cina, che rappresenta il mercato auto più grande tra quelli dei paesi emergenti, ha evidenziato quanto il traffico e l’inquinamento presenti nel paese condizioneranno l’evoluzione del parco. Anche in questo caso, il relatore ha dato suggerimenti su come operare localmente, sottolineando quanto in Cina sia fondamentale lavorare con il Governo al fine di portare avanti progetti industriali e commerciali. Per l’India, infine, il focus è stato sulla produzione locale, sui distretti industriali nei quali è più sviluppata la produzione auto e di come si stia espandendo la componentistica a seguito della crescita del mercato auto. Attualmente, nel paese indiano la maggior parte delle officine è indipendente, anche se la tendenza è una riduzione e beneficio degli Oem; il relatore ha infine sottolineato quanto nel paese sia presente una domanda in forte crescita di servizi per l’aftermarket.
Con l’organizzazionedi Iaam13, Autopromotec ha ulteriormente rafforzato la sua posizione in ambito internazionale, confermandosi come punto di incontro imprescindibile dell’aftermarket per l’approfondimento delle principali tematiche che andranno a connotare il mercato di domani. Iaam13 conferma anche la volontà di Autopromotec di offrire ad  espositori e visitatori importanti spunti per poter trovare nuovi sbocchi di business al di fuori dei tradizionali mercati.
ARGOMENTI CORRELATI
GRANDE INTERESSE PER I MEZZI DEL TRASPORTO MERCI
GIUGIARO VESTE I CENTRI SICUREZZA VREDESTEIN

NO COMMENTS

Leave a Reply