Bologna – Autopromotec, la più specializzata rassegna internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico che chiude domani, ha ospitato nell’ambito dell’arena AutopromotecEdu, il convegno dal titolo “L’eccellenza del recupero dei materiali e del ciclo industriale della ricostruzione”.
Il convegno, introdotto e moderato dal giornalista de Il Sole 24 Ore Maurizio Caprino, ha offerto una panoramica sullo stato attuale e sulle prospettive del mondo della rigenerazione, dando spazio a numerosi spunti di riflessione. Il convegno, che ha visto la partecipazione di autorevoli protagonisti del settore, è stato a livello nazionale il primo appuntamento con il focus sul mondo del rigenerato. Come ha spiegato Fernand J. Weiland, presidente di Apra Europe (Automotive aarts remanufacturers association), il mercato della rigenerazione, sebbene in Europa non abbia ancora raggiunto i livelli americani, è tuttavia in fase di piena crescita. Grazie a una domanda in continuo aumento, la rigenerazione offre valide opportunità di business per gli operatori: rispetto alle nuove unità, quelle rigenerate sono più economiche e risultano essere la scelta migliore per la manutenzione di un’auto o di un veicolo industriale, mantenendo la stessa garanzia di un ricambio nuovo. Un ricambio rigenerato, inoltre, non solo offre un vantaggio economico ma contribuisce anche a migliorare l’ambiente.
L’intervento di Weiland ha inoltre approfondito le diverse fasi della rigenerazione di un prodotto, elencando i numerosi componenti per auto e veicoli industriali attualmente coinvolti in questo processo: motorini d’avviamento e alternatori, servosterzo, sistemi di iniezione benzina e diesel, elettronica, motori completi, turbocompressori, pinze freno, alberi di trasmissione, frizioni, compressori di aria condizionata e molti altri ancora.
Secondo Stefano Carloni, presidente di Airp (Associazione italiana ricostruttori di pneumatici) la cultura dell’usa e getta sta lasciando il posto a una nuova consapevolezza delle necessità di un uso responsabile delle risorse e il comparto della rigenerazione assume un ruolo rilevante soprattutto in questo periodo di difficoltà economica. La ricostruzione, quindi, rappresenta un’opportunità strategica anche per il mercato degli pneumatici, offrendo agli utilizzatori componenti ricostruiti che coniugano ecologia, sicurezza e risparmio.
Il convegno si è concluso con gli interventi di Rosella Risso e Marco Franza, rispettivamente Fiat Industrial parts & service marketing director Emea e Fiat Industrial parts & service business development Emea, i quali hanno sottolineato le motivazioni e i vantaggi che hanno portato l’azienda a investire e credere nel mondo del rigenerato come la soddisfazione delle esigenze del cliente, l’attenzione all’ambiente e la riduzione del Tco (Total cost of ownership) ma anche l’opportunità di guadagnare quote di mercato, ampliare l’offerta prodotto e rafforzare la catena distributiva. Proprio per la gestione dell’offerta di prodotti rigenerati, l’azienda ha previsto anche una serie di supporti per partner e clienti.
Autopromotec con questo convegno dedicato alla rigenerazione, il primo in Italia nel suo genere, ha ribadito la propria attenzione alle dinamiche attuali del settore e si riconferma come punto d’incontro tra l’attualità in continua evoluzione e le future dinamiche dell’aftermarket automotive.

NO COMMENTS

Leave a Reply