Pomigliano d’Arco – Domani, nello stabilimento G.B. Vico di Pomigliano d’Arco, è in programma il secondo sabato con recupero stabilito dall’intesa siglata il 23 maggio scorso tra Fiat Group Automobiles e le Rsa dello stabilimento. Possibili nuove azioni intimidatorie preoccupano il Gruppo F iat che ha emesso un comunicato per evidenziare che <<gli incidenti avvenuti sabato scorso all’esterno dell’impianto e gli atteggiamenti intimidatori di alcuni manifestanti nei confronti di chi andava al lavoro fanno pensare, visto il rinnovarsi della protesta e l’organizzazione di presidi, a nuove azioni che potrebbero essere la fotocopia di quelle della scorsa settimana. Sarebbe quindi gravissimo e antidemocratico se si cercasse ancora di impedire alle persone di esercitare il loro diritto al lavoro. Il fatto che sabato scorso non ci sia stata nessuna adesione allo sciopero è infatti la testimonianza palese della validità dell’intesa sui sabati e del senso di responsabilità avuto da tutti i dipendenti>>.
Nel ribadire che i due sabati con recupero programmati dall’accordo sono segnali positivi che non vanno sottovalutati e che non si tratta di ore lavorate in regime di straordinario come alcuni continuano a ripetere, la nota di Fga conclude evidenziando che  <<va inoltre fatta chiarezza sui numeri dei dipendenti sbandierati a sproposito nelle varie dichiarazioni dei giorni scorsi: nello stabilimento di G.B. Vico sono in attività attualmente 3.144 persone e 1.373 rimangono in Cassa integrazione. L’azienda è convinta che domani la libertà di lavoro prevarrà sugli eventuali atteggiamenti provocatori simili a quelli registrati sabato scorso e che le autorità competenti assicureranno il regolare svolgimento dell’attività>>.