Auburn Hills – Stefan Ketter, che manterrà l’incarico di chief manufacturing officer di Fiat-Chrysler, è il nuovo responsabile del Progetto Pernambuco che ha l’obiettivo di creare, nell’omonimo Stato brasiliano, un grande polo industriale avanzato per la produzione di automobili.
<<Si tratta per Fiat-Chrysler di un’iniziativa fondamentale che è stata affidata ad uno dei manager strategici per lo sviluppo produttivo dell’azienda a livello mondiale>>,  commenta Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat Spa e presidente e amministratore delegato di Chrysler Group Llc.
Grazie all’elevato livello di integrazione, lo stabilimento, il secondo della Fiat in Brasile dopo quello di Betim, produrrà, con un investimento di oltre 3 miliardi di reais, tra le 200 e le 250 mila unità l’anno. L’avvio della produzione è previsto nel 2014. Situato nella città di Goiana, a nord di Pernambuco, l’impianto si estende in un’area di circa 12 milioni di metri quadrati. Per le condizioni geografiche estremamente favorevoli, il polo industriale potrebbe crescere di ulteriori 1,4 milioni di metri quadri destinati ai fornitori.
Pernambuco sarà un impianto che rafforzerà notevolmente la leadership del Gruppo in Brasile e che darà un forte contributo allo sviluppo economico, tecnologico e industriale del Paese. Nel 2012, la Fiat, che mantiene da 11 anni il primato delle vendite in Brasile, ha registrato la sua miglior performance nei suoi 36 anni di presenza. Ha infatti immatricolato circa 840mila automobili e veicoli commerciali leggeri, con un incremento dell’11,1% rispetto all’anno precedente. Anche nel 2013 ha raggiunto numeri da record, registrando i migliori cinque mesi della storia: le vendite sono ammontate a oltre 316 mila unità, cioè il 10,4% in più di quanto era stato raggiunto da gennaio a maggio del 2012.