New York – General Motors e Honda hanno annunciato oggi un accordo quadro di lungo periodo per co-sviluppare il sistema di celle a combustibile di nuova generazione e le tecnologie di stoccaggio dell’idrogeno, puntando come obiettivo temporale al 2020. Ci sono tutte le premesse per una collaborazione di successo grazie alla condivisione di competenza, alle economie di scala ed alle strategie di utilizzo di risorse comuni. Gm e Honda hanno deciso di collaborare per sviluppare avanzate infrastrutture di rifornimento, fondamentali per la sostenibilità a lungo termine e per l’accettazione dei veicoli a celle a combustibile da parte dei consumatori.
Gm e Honda sono riconosciuti quali leaders nelle tecnologie per le celle a combustibile. Secondo il Clean energy patent growth index, Gm e Honda sono rispettivamente n 1 e  2 nella graduatoria dei brevetti a celle a combustibile depositati tra il 2002 ed il 2012, con più di 1.200 tra loro.
<<Questa collaborazione si basa sui punti di forza di Honda e Gm in qualità di leader nelle tecnologie per l’idrogeno a celle a combustibile – ha dichiarato Dan Akerson, presidente e amministratore delegato di GmSiamo convinti che questo sia il modo migliore per sviluppare questa importante tecnologia, che ha il potenziale per contribuire a ridurre la dipendenza dal petrolio ed affermare la mobilità sostenibile>>.
Takanobu Ito, presidente e amministratore delegato di Honda Motor, ha dichiarato: <<Tra tutte le tecnologie a zero emissioni di CO2, i veicoli elettrici a celle a combustibile hanno un vantaggio assoluto in termini di autonomia e tempi di rifornimento, soddisfacenti come per le auto a benzina convenzionali. Honda e Gm sono determinati ad accelerare la penetrazione nel mercato di questa ultima tecnologia di mobilità pulita e sono entusiasta di poter dar vita a questa collaborazione per fondere le nostre tecnologie a celle a combustibile e creare un sistema avanzato che sarà più capace e più accessibile>>.
Il programma Project Driveway di Gm, lanciato nel 2007, ha accumulato quasi 3 milioni di miglia di guida effettiva con una flotta di 119 veicoli alimentati a idrogeno, più di ogni altra casa automobilistica. Honda ha iniziato l’impiego della Honda Fcx nel 2002 e ha utilizzato 85 esemplari negli Stati Uniti e in Giappone, incluso il modello più recente, la Fcx Clarity, che nel 2009 è stata nominata World Green Car. Honda ha consegnato questi veicoli a clienti degli Stati Uniti ed ha raccolto dati importanti riguardanti l’uso nel mondo reale di veicoli elettrici a celle a combustibile.
Come già annunciato, Honda prevede di lanciare nel 2015 il successore di Fcx Clarity in Giappone e negli Stati Uniti, poi in Europa. Gm annuncerà in un secondo momento i suoi piani per la produzione di celle a combustibile.
La tecnologia a celle a combustibile mira a risolvere molte delle grandi sfide delle automobili di oggi – la dipendenza dal petrolio, le emissioni, l’efficienza, l’autonomia ed i tempi di rifornimento. I veicoli a celle a combustibile possono funzionare con idrogeno rinnovabile ottenuto da fonti come l’eolico e le biomasse. L’unica emissione dei veicoli a celle a combustibile è il vapore acqueo. Inoltre, i veicoli a celle a combustibile possono arrivare fino a 400 miglia di autonomia di guida, possono essere riforniti in meno di tre minuti e la tecnologia di propulsione può essere utilizzata su piccoli, medi e grandi veicoli.