Hochenheim – Dal 30 luglio al 4 agosto si svolgerà a Hockenheimring l'ottava  edizione della Formula Student Germany (Fsg), una delle più importanti competizioni automobilistiche a livello internazionali per gli studenti delle facoltà di ingegneria. Oltre 2.500 ragazzi, suddivisi in 115 squadre, scenderanno in pista per gareggiare con i prototipi da corsa da loro progettati e realizzati. Per preparare al meglio i partecipanti alla competizione, Bosch, lo scorso 12 e 13 luglio, ha ospitato a Boxberg oltre 230 studenti universitari, dando loro la possibilità di testare e mettere a punto i prototipi. Nei due giorni di prove i ragazzi, affiancati dagli ingegneri Bosch, hanno affrontato verifiche tecniche, test di accelerazione e di resistenza, nonché  preso parte ad alcuni workshop con esperti del settore automotive condividendo anche esperienze e idee.
Dal 2007 Bosch supporta team selezionati di studenti che partecipano da tutto il mondo alle competizioni di Formula Student. Quest'anno la multinazionale tedesca sponsorizza 36 team universitari provenienti da tutta Europa e alcune squadre dagli Stati Uniti, dall'India, dalla Cina e dal Brasile.
<<Bosch ci garantisce componenti elettriche ed elettroniche di alta qualità per i nostri veicoli e ci da la possibilità di prendere parte ad interessanti workshop. Senza il supporto di Bosch non saremmo stati capaci di portare avanti questo progetto riuscendo a far gareggiare un auto con un alto standard di qualità ingegneristica>>, ha affermato Stephan Rienmüller, capo  squadra del team Johanneum Racing dell'Università di Scienze Applicate di Graz (Austria).
Non è l'auto più veloce a vincere la Formula Student, bensì il progetto nella sua complessità. I prototipi sono valutati sulla base di diversi parametri: dal business plan alla realizzazione, dal design all'efficienza in termini di consumi. La competizione è quindi un eccellente modo per gli studenti di prepararsi alla futura vita lavorativa. E' importante imparare a lavorare insieme, in sinergia come una squadra, scambiare e condividere esperienze e punti di vista per sviluppare progetti sempre più stimolanti e interdisciplinari. Inoltre, l'iniziativa permette a Bosch di entrare in contatto con giovani ingegneri e vederli all'opera, lavorando insieme gomito a gomito. La multinazionale tedesca è sempre attenta ad individuare risorse fortemente motivate e qualificate, basti pensare che lo scorso anno Bosch ha assunto 50 ingegneri che avevano partecipato alla competizione nel 2012.