Punto di riferimento da venti anni

Punto di riferimento da venti anni

0 4

Quando la Fiat varò il “progetto 176” per dare un’erede alla Uno come accadeva in quei tempi si affidò alla matita di Giorgetto Giugiaro. La nuova auto si chiamò Punto e venne presentata in prima mondiale al Salone dell’auto di Francoforte del 1993. Da allora ad oggi, un arco di 20 anni, la Punto per la Fiat è stato un cavallo di battaglia di successo, un modello che ha saputo recitare sempre il ruolo di protagonista assoluta, rinnovandosi attraverso tre generazioni completamente diverse tra loro nelle dimensioni, nelle dotazioni, nella tecnologia soprattutto.
Se teniamo conto che l’auto di segmento B della Fiat è nata nella era Euro 1 e che oggi siamo alla vigilia di Euro 6 si potrà capire quanta strada tecnologica abbia fatto la Punto non solo in riferimento alle unità motoristiche.
Dopo l’esordio tedesco, positivo ratificato dal titolo “Auto dell’anno”, Punto prima generazione toccò in progressione vertici di vendite globali che nel 1998, anno che precedette l’arrivo della seconda generazione, avevano toccato 3.065.359 di unità vendute con il picco massimo di 657.715 raggiunto  nel 1997.
La seconda generazione di Punto, nata dal “progetto 188”, arriva nel 1999. Venne interamente disegnata dal Centro stile Fiat e fu la prima utilitaria al mondo a ricevere 4 stelle EuroNcap, registrando un notevole miglioramento rispetto al modello precedente del quale però non seppe ripetere i successi commerciali. Per la Fiat la seconda generazione di Punto fu l’occasione per festeggiare i 100 anni della sua storia.
Verso la fine del 2005, nata dal “progetto 199”, arriva la terza generazione della Punto,  sviluppata dalla Fiat ma con costi divisi con la General Motors, allora partner del Lingotto, che utilizzerà la piattaforma per alcuni suoi modelli, soprattutto sul mercato europeo. La terza generazione, disegnata dalla Italdesign di Giorgetto Giugiaro, è una vettura molto grande rispetto al segmento di riferimento, supera i 4 metri di lunghezza. Viene commercializzata come Grande Punto, non sostituisce il modello presente in gamma ma lo affianca. La Grande Punto crea, nel corso della sua commercializzazione, una vera e propria famiglia di modelli.
Nel 2006 viene presentata la versione a 3 volumi  col nome Linea, non per il mercato italiano. La Grande Punto ha riscosso un grande successo e non viene sottoposta a restyling,  le viene affiancata la Punto Evo,  modello evolutivo, più curato nei dettagli e di maggiore qualità percepita, oltre che con importanti aggiornamenti meccanici. Grande Punto e Punto Evo nel 2012 vengono sostituiti da un terzo e ultimo modello (ma è  ancora terza generazione), che arriva ai giorni nostri per festeggiare i 20 anni.

NO COMMENTS

Leave a Reply