San Pietroburgo (Russia) – Nel 1949 l’Alfa Romeo 6C 2500 SS coupé carrozzata Touring Superleggera ha ottenuto il Gran Premio Referendum al concorso “Villa d’Este”. Nel 2013 un esemplare del 1951 è stato eletto Best of Show del primo concorso internazionale mai realizzato in Russia: uniques special ones.
Sono meno di venti gli esemplari di Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé Villa d’Este rimasti in tutto il mondo: considerato un capolavoro per le sue eleganti linee, questo gioiello appartiene al noto collezionista olandese Hans Ribbens.
La vettura si è aggiudicata il favore dei giudici incaricati di identificare l’auto migliore a livello tecnico e stilistico tra quelle presenti alla manifestazione. L’autorevole giuria, composta da importanti personalità del mondo del design come Tom Tjaarda e il responsabile dello stile del Gruppo Fiat Lorenzo Ramaciotti, ha attentamente esaminato le vetture in concorso adottando criteri di giudizio rigorosi.
«Sono stati pochi, millesimali, i punti di differenza tra l’Alfa Romeo vincitrice e la seconda classificata, la 6C 2300 B Mille Miglia berlinetta del 1938: anch’essa della casa del Biscione», ha detto Adolfo Orsi, noto esperto dell’Automotive e Giudice Capo della giuria internazionale.
Il premio speciale Gazprom Neft è andato alla migliore vettura presentata da un collezionista russo: anche in questo caso è stata un’Alfa Romeo ad aggiudicarselo, la 6C 2500 S Cabriolet del 1943, pezzo unico carrozzata Pininfarina di Kostantin Moshkin.
«Con questa prima edizione all’estero abbiamo ottenuto un grande risultato che in pochi credevano possibile – ha spiegato Sandro Binelli, presidente di uniquesRendere la nostra manifestazione itinerante presentando in Russia il concept di successo già affermato nelle precedenti edizioni fiorentine. Per questo voglio ringraziare i partecipanti, le istituzioni e i partner che hanno reso tutto possibile e dare loro appuntamento per l’anno prossimo».
Il Best of Show, a cui è andato il trofeo d’argento disegnato da Stefano Ricci, è stato rivelato dopo due giorni di spettacoli e attività uniche in alcune delle location più rinomate di San Pietroburgo. A partire dal Kirov Park a Yelagin Island, una delle più esclusive isole del delta del Neva, dove le vetture in concorso erano esposte: un panorama unico che a diversi presenti ha fatto ricordare le scenografie del celebre Parc De Bagatelle. Il programma della manifestazione ha inoltre presentato diverse occasioni di “distrazione”: perché “uniques is not just about cars”. Insieme a un numero selezionato di invitati i partecipanti hanno avuto il privilegio di visitare privatamente l’Hermitage State Museum e di assistere, proprio in una sala del Winter Palace, a un concerto della State Hermitage Symphony Orchestra “St Petersburg Camerata” diretta dal maestro Fabio Mastrangelo.
Il concorso ha inoltre incluso, durante il giorno, diverse performance del Theatre of the Opera and Ballet del Saint Petersburg Conservatory Rimsky-Korsakov e del quartetto della Hermitage Orchestra.