Roma – Satoru Ichijima è stato nominato amministratore delegato di Toyota Motor Italia. Ichijima, laureato in Scienze Economiche e Commerciali, dal 1984 al 2001 ha ricoperto diversi ruoli nelle direzioni vendita e post vendita di Toyota Motor Corporation, nel 2002 è stato nominato coordinatore esecutivo senior in Toyota Motor Europe, per poi tornare nuovamente in Giappone fra il 2007 ed il 2012 dove è stato direttore vendite e marketing Lexus e successivamente direttore pianificazione vendite. Ad inizio 2013 gli viene è stato assegnato il ruolo di direttore esecutivo in Toyota Motor Italia.
Satoru Ichijima, condurrà l'azienda insieme ad una squadra di cinque direttori cresciuti professionalmente in Toyota. La nuova organizzazione mira ad affrontare un mercato auto sempre più maturo, con un approccio al cliente più evoluto ed una forte integrazione tra fabbriche, distributori e dealer nonché tra le funzioni vendita, post vendita e servizi finanziari.
Secondo i dati relativi alle emissioni di CO2, resi noti dalla Commissione Europea e dall’Agenzia Europea dell’Ambiente, nel 2012 Toyota Motor Europe si è confermata il costruttore europeo più ecologico. La media di CO2 del parco auto Tme ha raggiunto i 103,6 g/km, una diminuzione di 5,7 g/km rispetto al 2011, pari a una riduzione annua di circa il 5%. Questo risultato ha consentito a Toyota Motor Europe di attestarsi a 24,3 g/km in meno rispetto all’obiettivo stabilito dalla Commissione Europea per l’anno 2012.
La valutazione della Commissione Europea prende in esame il 65% dei veicoli immatricolati prodotti da ciascun costruttore. I calcoli basati sul 100% della gamma entreranno in vigore a partire dal 2015, mentre i prossimi due anni vedranno unprogressivo incremento della percentuale presa in considerazione: il 75% nel 3013 e l’80% nel 2014.
Secondo i dati pubblicati, le emissioni di CO2 prodotte dalle vetture Toyota in Europa sono diminuite del 29% negli ultimi 12 anni, raggiungendo una media di 121,9 g/km; un ottimo risultato se paragonato alla media generale del settore, diminuita del 23%. Toyota è il brand Automotive ad offrire la più alta percentuale di veicoli con emissioni al di sotto ai 100 g/km, pari al 23% dell’intera gamma.
Attualmente Toyota e Lexus offrono in Europa un totale di 11 modelli con emissioni inferiori ai 100 g/km, di cui 6 sotto i 90 g/km, tra cui: Toyota iQ (99 g/km), Aygo (99 g/km), Yaris Hybrid (79 g/km), Auris (99 g/km), Auris Hybrid (84 g/km), Auris Hybrid Touring Sports (85 g/km), Prius (89 g/km), Prius+ (96 g/km), Prius Plug-in (49 g/km), Lexus CT 200h (87 g/km) e IS Hybrid (99 g/km).
I dati pubblicati dall’Agenzia Europea dell’Ambiente suggeriscono inoltre come questa leadership derivi in parte dall’ampliamento della gamma ibrida Tme, che oggi include 6 modelli Toyota e 6 modelli Lexus.
Le vendite europee1 di veicoli ibridi Toyota e Lexus dopo i primi nove mesi del 2013 sono superiori del 47% rispetto allo stesso periodo del 2012 (78.380 unità). Ad oggi, sono state vendute in Europa 115.032 vetture ibride, grazie soprattutto agli ottimi risultati ottenuti da Yaris Hybrid e Auris Hybrid.