Kumasi – Dalla regione sub-sahariana, più precisamente dal distretto considerato l’essenza dell’artigianato africano nell’ambito del recupero dei ricambi auto e della loro riparazione (il Suame Magasine, nella città di Kumasi, in Ghana), arriva un rivoluzionario progetto per sostituire ai cammelli e più in generale agli animali da trasporto il mezzo meccanico.
L’incontro tra l’insegnante di design Cynthia Hathaway e tre studenti della sua facoltà con gli artigiani di Kumasi ha portato al progetto del Suame ANWB, una sorta di fuoristrada ridotto all’osso da completare con porte e altri lamierati recuperati dalle montagne di rottami del Suame Magasine.
Vengono utilizzate lamiere tagliate con metodi rudimentali e battute a mano per assumere nuove forme. Si realizzano con la fusione dell’alluminio di recupero elementi destinati agli impieghi più diversi (nasce così il volante del Suame ANWB, replica esatta di quello di una Ferrari). Dalle vecchie camere d’aria, dai copertoni, dal cuoio e dalle funi nascono borse da appendere al grande roll bar, esattamente come si fa con i cammelli.
Il veicolo, nel progetto della Hathaway e dei suoi collaboratori (Stijn van Kervel, Bob Vos e Lukas Wolzak), può diventare anche una sorta di cucina viaggiante, con tanto di tavolo e sgabelli per sfamare i pastori o i viaggiatori.
Comune denominatore dei dettagli costruttivi del Suame ANWB e di tutte le sue possibili variazioni sono sempre la semplicità di assemblaggio, l’uso di materiali al 100% riciclati e la possibilità di eseguire riparazioni con attrezzi d’uso comune in Africa.