Nel periodo gennaio-ottobre dell’anno in corso degli oltre 50 brand che vendono auto nel mercato italiano solo 10 hanno chiuso con il segno positivo. Gli altri sono con bilanci di vendite in rosso, per alcuni anche pesanti. L’orizzonte rimane buio. La luce non riesce a penetrare  la spessa coltre di nubi nere di una crisi pervicace, dai risvolti imprevedibili, alimenta le difficoltà economiche che paralizzano il potere d’acquisto delle famiglie. Tutti i costruttori hanno formule di marketing che riversano nell’offerta ma la domanda rimane anemica. Ci si muove navigando a vista.
Chi può più di altri punta sulla qualità della gamma, soprattutto se è una gamma attuale, rinnovata coi tempi e le scelte giuste. Nella fattispecie, Peugeot Italia parte da un presupposto generale che sostanzia l’attività europea del brand francese capogruppo di Psa. Presupposto che è la filosofia di pensiero del Leone: “Motion&Emotion”. Che non riguarda solo le auto ma anche le biciclette, gli scooter e persino un oggetto come un pianoforte, il piano Pleyel progettato dal Design Lab del Centro stile Peugeot per dimostrare le valenze di una creatività che coniuga presente e futuro.
Ma al di là della formula Peugeot Italia getta nella mischia i modelli di una gamma che si avvale di presenze qualificanti in ogni segmento, con diverse tipologie di carrozzeria e di alimentazione, fronte sul quale riesce a schierare unità a benzina, diesel, gpl, ibride, elettriche per un’offerta a 360 gradi che punta, altresì, su versioni ed allestimenti che nel confronto equipaggiamento-prezzo non temono alcuna concorrenza, anzi la fanno.
Ultimo esempio di una gamma dalle grandi potenzialità è la 308 seconda generazione, primo  modello sviluppato sulla nuova piattaforma modulare Emp2 (acrostico di Efficient modular platform2). Se sulla 208 il posto guida aveva cominciato la rivoluzione ergonomica evidenziata dall’innovativo volante compatto e dal quadro strumenti in posizione rialzata, nella 308 la rivoluzione fissa nuovi parametri con l’i-Conckpit: lo stesso volante compatto della 308, il quadro strumenti in posizione alta, una consolle alta, un grande touchscreen da 9,7 pollici, lo orientamento degli elementi verso il pilota, la rotazione simmetrica delle lancette che ricordano quelle degli orologi di precisione. Altra dotazione caratterizzante della 308 i proiettori full Led ciascuno dei quali è composto da 31 Led (10 per gli anabbaglianti, 2 moduli da 4 micro-Led per gli abbaglianti, 13 per la “firma” luminosa) che garantiscono una eccellente visibilità di notte.
La “collana” delle novità di Peugeot Italia conta anche sulla 2008, il crossover compatto che come la 3008 ha come fiore all’occhiello il Grip Control, un sistema evoluto che si adatta ad ogni tipo di terreno; sulla 508 RXH, la all-road che propone la catena di trazione 2.0 Hdi Hybrid4 (il diesel e l’elettrico funzionano in modo alternato o contemporaneo). La “faccia” sportiva mostra la grinta della RCZ R, versione ultrapotenziata della coupé sviluppata come auto da competizione che si esalta nella versione Racing Cup. Ma anche il ritorno del mito 208 Gti evoluta in 208 R2 destinata ai clienti che amano impegnarsi in attività agonistiche in pista.

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.