Parigi – Dopo l’exploit di Eicma 2013, Yamaha è ora di scena nella capitale francese in occasione del “Salon de la Moto, Scooter, Quad – Paris 2013” kermesse motoristica dedicata agli amanti delle due ruote di tutta Europa in programma al Paris Expo Porte de Versailles da martedì 3 dicembre sino domenica 8.
Ecco l’elenco delle novità presentate dalla Casa dei tre diapason.

YBR125 2014
Yamaha ha aggiornato la versatile YBR125 con l’aggiunta di un minicupolino. Una modifica che rende ancora più piacevole e confortevole la guida in città. Yamaha YBR125 è una soluzione divertente e pratica per muoversi entro i confini urbani, perché è facile da guidare, ha uno stile senza tempo e un’affidabilità senza confronti. Il grintoso motore a 4 tempi è fatto apposta per piacerti, con l’iniezione elettronica che rende fluida l’erogazione e il ambio a 5 marce che sfrutta tutto il potenziale del propulsore. La guida è brillante, ma i consumi sono decisamente contenuti.
La novità del 2014, il cupolino compatto, non solo regala a YBR un look più sportivo, ma migliora anche gli standard di comfort, aumentando la protezione aerodinamica. Il leggero telaio a diamante è la soluzione ideale per esaltare la maneggevolezza, mentre la reattività delle sospensioni assicura una guida rassicurante e confortevole. Il freno a disco anteriore e il freno a tamburo posteriore rendono efficaci le frenate, la doppia sella anatomica e il maniglione per il passeggero garantiscono il massimo comfort a pilota e passeggero. Disponibile nei colori midnight black, red spirit e competition white, YBR125 versione 2014 è una classica e pratica moto da città che si trova perfettamente a proprio agio anche nel traffico dell’ora di punta.


XV950 SPECIAL
La nuova “bobber” Yamaha XV950 offre ai piloti l’ispirazione per esprimere tutta la loro creatività, aprendo le porte a infinite possibilità di personalizzazione. XV950 ed XV950R incarnano alla perfezione lo spirito delle custom preparate nei garage, ma lo rivitalizzano con un nuovo look giapponese neoretro. Ecco perché sono le moto ideali per realizzare modelli davvero unici. Con un punto di partenza del genere, non sorprende affatto che un numero consistente di preparatori abbiano già colto l’opportunità di modificare XV950 per trasformarla in qualcosa di completamente nuovo.
XV950 non ha attirato solo l’attenzione di famosi bike maker come Roland Sands e Docs Chops, ma anche di una nuova generazione di specialisti dell’elaborazione, e adesso i risultati dei loro sforzi stanno per essere rivelati. Nel mondo in rapida evoluzione delle due ruote, ci sono voluti solo pochi mesi per la realizzazione di 10 stupefacenti versioni custom di XV950 targate USA. Ridotte all’osso, potenziate o lunghe e basse, queste dieci variazioni sul tema XV950 sono solo un piccolo assaggio dell’enorme potenziale disponibile per chi voglia dedicare la propria creatività a XV950.
 
YARD BUILT
Nei garage di tutto il mondo, i motociclisti sognano di creare una moto a misura della propria immaginazione. Yamaha cerca di aiutarli chiedendo a bike maker affermati di realizzare modelli speciali Yard Built, moto che offrono ai piloti l’ispirazione e le idee giuste per trasformare in esemplari unici le Yamahadi oggiAggiungi un appuntamento per oggi.
Il progetto Yard Built, che ha avuto come pionieri Wrenchmonkees e Deus Ex Machina, è nato con l’intenzione di offrire a tutti i clienti Yamaha un punto di partenza facile e accessibile per un percorso personale verso la trasformazione di una moto Yamaha in un modello custom. Un obiettivo raggiunto attraverso la creazione di kit con componenti aftermarket, resi disponibili a tutti i proprietari di una Yamaha. I questo modo, chi aveva solo sognato di costruire la propria “special” può finalmente realizzare il proprio desiderio.
Due famosi preparatori come Wrenchmonkees e Deus Ex Machina, dopo avere partecipato al progetto fin dalle fasi iniziali, sono pronti a presentare i primi kit Yard Built. Disponibili per i modelli Yamaha XJR1200 ed XJR1300, questi componenti speciali sono il perfetto punto di partenza per ogni progetto Yard Built.
 
KIT CUSTOM MONKEEFIST DI WRENCHMONKEES
I famosi customer danesi di Wrenchmonkees hanno messo in vendita una selezione di parti per il kit di trasformazione di Yamaha XJR1200 e Yamaha XJR1300, per consentire ai loro proprietari di costruire la propria Yard Built personale. Dopo aver realizzato Monkeefist, un esempio “viaggiante” di quanto lontano ci si possa spingere nell’immaginare una XJR diversa, Wrenchmonkees ha sviluppato una serie di componenti che possono essere utilizzati per trasformare le Yamaha in originalissime café racer. Mostrando i componenti assemblati sulla propria “kitbike”, la crew Wrenchmonkees incoraggia i piloti a fare il primo passo per entrare nel mondo delle custom, mentre studia e sviluppa accessori sempre nuovi, capaci di accendere la passione.
Il team ha progettato la maggior parte dei componenti in modo tale da mantenere serbatoio, telaio, forcellone e telaietto reggisella di serie. Questo significa che i motociclisti non devono modificare la struttura principale della loro moto, ma devono semplicemente sostituire le parti standard e montare al loro posto i componenti speciali. Il vantaggio è che anche un pilota con un’esperienza meccanica ridotta può cimentarsi nella trasformazione della propria moto in una special.
Ad esempio, per regalare alla propria XJR un look più sportivo, si possono scegliere ammortizzatori diversi e un manubrio TRW da café racer. Per contenere il costo della customizzazione, Wrenchmonkees ha mantenuto la forcella e l’impianto frenante di serie, ma mette a disposizione dei piloti l’opzione dei tubi in treccia Venhill o ABM; per aumentare l’efficienza delle frenate.
Come è avvenuto per la ciclistica, Wrenchmonkees non è intervenuta pesantemente sul motore, anche se i carter in alluminio di motore, radiatore dell’olio e valvole, come i supporti del motore, rendono ancora più aggressivo il look dell’intramontabile quattro cilindri in linea. Il motore sembra più imponente e ha un suono più ruvido, grazie alla marmitta in acciaio Spark che si monta sui tubi di serie di XJR ed è dotata della valvola Exup che esalta le prestazioni, come sul modello originale.
Infine, per consentire ai piloti di completare il look da vera café racer, Wrenchmonkees metterà presto sul mercato pedane e kit monosella con sellino Wm, e portatarga Rizoma. Insieme alle già disponibili ruote Kineo, con razze in acciaio e cerchi semilucidi neri, questi componenti completeranno la trasformazione.
 
KIT  XJR-X DI DEUS EX MACHINA ITALIA
Dopo avere catturato l’attenzione di tutti con XJR1300 Project X, una special ridotta all’osso e aggressiva, Deus Ex Machina Italia ha sviluppato una serie di accessori dedicati a questa naked muscolosa, per consentire a tutti i piloti di costruire il proprio modello da sogno.
Il kit Project X comprende componenti realizzati con cura artigianale e offre a tutti i clienti Yamaha la possibilità di costruire la loro personalissima Project X o semplicemente di creare una special unica nel proprio garage, scegliendo le parti preferite.
Ci sono molti componenti che possono essere acquistati singolarmente e montati con facilità: il parafango anteriore fatto a mano, lo scarico completo SC-Projects omologato EU, il contagiri custom Acewell, il filtro dell’aria Sprintfilter, le pinze del freno posteriore Discacciati ricavate dal pieno e il doppio freno a disco anteriore da 298 mm.
E se qualcuno volesse spingersi ancora oltre, basta chiedere. A Deus Ex Machina, naturalmente. Ci sono anche componenti progettati e costruiti dai bike maker di Deus Ex Machina nei loro workshop italiani, ed i clienti XJR possono scegliere tra lo stile aggressivo del serbatoio in alluminio modellato a mano, il supporto per il faro anteriore, la sella custom, il supporto per la targa o il manubrio clip-on. Realizzati con una qualità costruttiva elevatissima dai super esperti meccanici di Deus, questi componenti staccano nettamente XJR dalla massa.
Sono accessori che incarnano alla perfezione tutto lo spirito di Project X e possono essere ordinati come kit completo per la trasformazione da una XJR di serie a una magnifica XJR-X.  C’è sempre la soluzione più adatta, per chi vuole modificare la propria XJR nel corso del tempo, un componente per volta, e per chi invece vuole sottoporre la propria moto a una rivisitazione totale, per trasformarla in una X-Bike di Deus Ex Machina.