Parigi – La cinese Dongfeng e lo Stato francese entrano nell'azionariato di Psa. L'aumento di capitale di 3 miliardi si concretizzerà in due fasi: 1,5 miliardi subito, versati in parti uguali (750 milioni di euro ciascuno), per determinare una quota paritetica del 14% per i tre azionisti (Dongfeng, Stato e famiglia Peugeot che oggi detiene il 25%); gli altri 1,5 miliardi saranno raccolti sul mercato. Il via all'operazione è stato dato dal consiglio di amministrazione di Psa a conclusione di una riunione-fiume durata cinque ore.
La formalizzazione dell'accordo dovrebbe avvenire entro il 19 febbraio. Nella stessa data Carlos Tavares dovrebbe prendere le redini della società, in sostituzione di Philippe Varin.