Londra – Per la ZEOD RC che correrà quest’anno la 24 Ore di Le Mans, Nissan presenta un motore secondario a combustione interna destinato a rivoluzionare i canoni di performance ed efficienza.
Il prossimo giugno, la Nissan ZEOD RC sarà la prima vettura in assoluto a completare un giro del Circuit de la Sarthe di Le Mans alimentata esclusivamente da energia elettrica. Il motore elettrico funzionerà per un solo giro in ciascun turno (un “turno” di carburante dura circa un’ora), lasciando poi il posto al motore turbo a tre cilindri da 1,5 litri.
Incredibilmente compatto, il nuovo motore pesa solo 40 chilogrammi, ma vanta una sorprendente potenza pari a 400 cavalli. L’alloggiamento è alto solo 500 mm per 400 di lunghezza e 200 di larghezza. Tecnicamente troppo pesante da trasportare come bagaglio su un aereo, con le sue dimensioni rientra alla perfezione negli standard di misurazione delle valigie adottate dalle autorità aeroportuali di tutto il mondo.
Il motore Nissan è capace di una velocità di 7.500 giri al minuto per 380 Nm di coppia. Grazie ai 10 cv per chilogrammo, il nuovo motore vanta un rapporto potenza-peso a tutti gli effetti migliore rispetto agli ultimissimi motori utilizzati quest’anno nel Campionato mondiale di Formula 1.
<<Il nostro team ha fatto davvero un ottimo lavoro con il motore a combustione interna – ha dichiarato Darren Cox, director of Global Motorsports di Nissan -. Sapevamo che la componente elettrica di Nissan ZEOD RC non sarebbe passata inosservata alla 24 Ore di Le Mans, ma l’impianto elettrico/benzina “on demand” combinato a zero emissioni è un vero e proprio esempio di eccellenza ingegneristica. Nissan sarà la prima grande casa a utilizzare un motore a tre cilindri nelle principali gare automobilistiche internazionali. Siamo intenzionati a mantenere la nostra posizione di leader del settore, orientati al downsizing. In futuro, l’idea è di trasferire i principi applicati per lo sviluppo di questo motore anche ai veicoli da strada. L’obiettivo è dettare nuovi standard di efficienza in ogni aspetto dell’automobile: dalla trasmissione, all’aerodinamica, alla maneggevolezza. Quanto alla trasmissione, ci siamo avvalsi della collaborazione di Total per ridurre la frizione non solo all’interno del motore, ma fra tutti i componenti. La frizione è acerrimo nemico della potenza: ecco perché risolvere questo problema ha rappresentato una priorità in fatto di target di efficienza>>.
Dopo un test prolungato sulla dyno, Nissan ZEOD RC è scesa per la prima volta in pista la scorsa settimana, alimentata da entrambi i motori. I due impianti, elettrico e a benzina, sono collegati al medesimo cambio a cinque marce, che trasferisce la potenza al terreno con quattro pneumatici Michelin.
Nei prossimi quattro mesi la Nissan ZEOD RC sarà sottoposta a un intenso programma di collaudi prima di approdare al circuito di Le Mans in occasione della 24 Ore di quest’anno, fissata per il 14 e 15 giugno.