Milano – In Italia e in Europa il ride sharing sta diventando una vera e propria alternativa ai tradizionali mezzi di trasporto. Cercare un passaggioo mettere a disposizione di altri viaggiatori i posti liberi a bordo della propria auto è ormaidiventato un gesto che rientra nella quotidianità di milioni di persone.
La popolarità di BlaBlaCar.it, ha registrato una crescita esponenziale dal momento della sua introduzione nella Penisola. Nel 2013, BlaBlaCar ha registrato un aumento del 247% nell’offerta dei passaggi rispetto all’anno precedente, con picchi di oltre 250.000 posti auto offerti nel periodo natalizio di fine anno.
Secondo lo studio di BlaBlaCar, gli italiani prediligono il ride sharing nelle tratte medio lunghe, che permettono un maggiore risparmio. La lunghezza media di un viaggio condiviso in Italia si attesta a 285 chilometri e le destinazioni raggiungibili con questo sistema sono tantissime, per tutta la lunghezza dello Stivale. Tra le tratte più gettonate spiccano al primo posto l’asse Milano-Roma, seguita da  Roma-Lecce. Nel confronto tra Nord e Sud, il primo si conferma la zona più attiva, con Milano e Torino in pole position insieme a Verona e Padova nella top ten nella classifica della condivisione dell’auto. Nella stessa classifica, il Sud perde nel 2013 Palermo, mentre al Centro la capitale supera quest’anno Milano, numero uno nel 2012, come città più trafficata per arrivi e partenze.  Il 60% dei passaggi offerti e richiesti nella top tensono da e per Roma.
Le ragioni dell’inarrestabile sviluppo del ride sharing sono sicuramente da ricercarsi nel risparmio economico. In tempi di crisi, infatti, condividere l’auto consente di ridurre considerevolmente le spese di viaggio rispetto alle tariffe di treni ed aerei. Un passaggio in auto per la tratta Milano-Roma costa infatti appena 30 euro, cioè 56 euro meno di un biglietto del treno per lo stesso tragitto. Il risparmio è evidente anche per chi mette a disposizione la propria auto: trasportando tre passeggeri invece di viaggiare da soli è possibile risparmiare fino al 75% sui costi di carburante e sui pedaggi autostradali.
Non solo risparmio economico ma anche ambientale in quanto, secondo i dati elaborati da BlaBlaCar.it, se si viaggiasse con automobili piene, condividendo i posti liberi, si risparmierebbero ogni anno ben 40 miliardi di tonnellate di CO2 e 55 miliardi di euro in benzina e pedaggio: una cifra considerevole, pari al 3,5% del Pil italiano.
In Italia, il 23% della community BlaBlaCar è composta da persone comprese tra i 18 e i 25 anni. Il 39% della community ha invece tra i 26 e i 35 anni. Infine, il 29% degli utenti ha un’età compresa tra i 36 e i 50 anni. Solo il 9% ha un’età maggiore di 50 anni. Le donne rappresentano il 42% degli utenti iscritti.

SHARE
Melina Famà
23 anni, siciliana doc e amante di scarpe, borse e buon cibo. Laureata in Linguaggi dei Media all'Università Cattolica di Milano, si avvicina al mondo dei motori grazie al fidanzato, che la istruisce quasi come un maschiaccio. Gattara nell'animo, è admin di @igers_messina.