Adria – Un accordo di collaborazione tra Praga Global (azienda attiva dal 1907 nella costruzione di auto sportive, kart, camion e aerei) e l’Autodromo di Adria. Petr Ptacek, proprietario del Gruppo Praga, e Mario Altoè, direttore dell’Autodromo Internazionale di Adria (RO), hanno siglato un accordo di collaborazione industriale e commerciale che vede le parti attive nella commercializzazione della R1 sul mercato italiano. L’Adria International Raceway fornirà consulenza e sviluppo tramite il suo team con 30 anni di esperienza nel Motorsport per studiare soluzioni ancora più avanzate per il futuro. La R1, che oggi è stata presentata in anteprima mondiale alla stampa, è una vettura sportiva leggerissima, meno di 600 kg, per via di un largo uso della fibra di carbonio e un’aerodinamica che porta la vettura costruita sulle sponde del fiume Moldava, ad accelerazioni brucianti mantenendo un forte trazione in curva.
Una macchina rivolta al mercato dei piloti più esigenti, ma per via della facilità d’impiego anche per i giovani che iniziano la loro scalata al mondo del Motorsport. Il motore Renault da 2 litri che spinge la R1 eroga 210 cv ed è gestito da un cambio sequenziale. La scocca è in carbonio. L’aerodinamica consente un’accelerazione laterale di 2,7 G. Per questa “ruote coperte” il prezzo è di 119.000 euro.
Ma Praga non è solo automobili. Ci sono anche i kart: campione mondiale 2012, il marchio è impegnato nei campionati Wsk che porteranno una data del Mondiale in novembre proprio sul nuovo nastro d’asfalto dell’autodromo polesano, che verrà inaugurato a giugno e che promette soluzioni tecnologiche e innovative oltre ad un tracciato molto tecnico e impegnativo.