Bologna – Secondo le rielaborazioni del centro studi del Consorzio Ecogas su dati Ced–Ministero dei Trasporti nel primo semestre 2008, uno dei mezzi preferiti dagli italiani che non “lasciano in garage” la vettura per colpa del caro carburante è la conversione delle stesse in after market, o la scelta aprioristica di acquistare autoveicoli a GPL e metano.
Nel periodo preso in esame, infatti, le vetture nuove omologate a gas e quelle trasformate prima dell’immatricolazione sono state 43.266 a doppia alimentazione benzina/metano e 30.468 a doppia alimentazione benzina/GPL, contro un totale 2007 di 64.911 nel primo caso e di 28.349 nel secondo.
Alessandro Tramontano, direttore del Consorzio Ecogas, ha sottolineato che nel semestre ha tenuto <<bene anche il mercato delle trasformazioni a gas che nel primo semestre 2008 ammontano già a 107.039 quella e GPL e a 20.342 quelle a metano, contro un totale 2007 di circa 170.000 conversioni a GPL e 30.000 a metano>>. Un andamento che lascia prevedere un largo superamento di quota 300.000 veicoli che nel corso del 2008 passeranno all’alimentazione a gas. Perché si sa, alla fine il bisogno aguzza l’ingegno… (ore 14:48)

NO COMMENTS

Leave a Reply